Ordinanza anti-panino: Nardella pensa al rinnovo

E' appena scaduta, il sindaco: “Battaglia contro turisti cafoni e incivili continua”

E' scaduta da pochi giorni la cosiddetta ordinanza 'anti-panino', quella che dall'inizio dello scorso settembre vietava a chiunque non solo di sedersi sul marciapiede per mangiare schiacciate e panini appena comprati ma che sanciva anche il divieto, pena multe salate, di consumare il frugale pasto in piedi, nell'area di via de'Neri e vie limitrofe.

Un'ordinanza che aveva suscitato diverse polemiche e che l'amministrazione sembra comunque intenzionata, a pochi mesi dalle elezioni, a replicare.

“I commercianti e i residenti hanno apprezzato la nostra ordinanza. Continuerò a fare una battaglia contro i turisti cafoni e incivili che non rispettano la nostra città”, ha detto il sindaco Dario Nardella ieri a margine di un incontro stampa.

Turisti disorientati: "E ora dove lo mangiamo?"

“Già dai prossimi giorni valuteremo con il comandante della polizia municipale Casale e con l'assessore alla sicurezza Gianassi una nuova ordinanza per il rispetto di via de' Neri e dintorni, perché purtroppo bivacchi e inciviltà non si fermano nemmeno di inverno. Andremo avanti, sono pronto a nuove ordinanze contro turisti incivili e non consapevoli dei danni che fanno alla nostra città”, ha concluso il sindaco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, maxi-multa all'automobilista romantico: "Sto andando dalla mia fidanzata, mi manca"

  • Coronavirus, l'Einaudi Institute: "La Toscana arriverà per ultima a quota zero contagi"

  • Coronavirus: morto il primo medico fiorentino

  • Coronavirus: presto l'obbligo, si esce solo con la mascherina 

  • Coronavirus: 173 nuovi casi e 18 decessi in Toscana 

  • Effetto Coronavirus, Comune di Firenze a rischio default: "resta liquidità per tre mesi"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento