rotate-mobile
Cronaca Via Girolamo Minervini

Omicidio Vassallo: ascoltato pentito di camorra in carcere a Sollicciano

L'uomo è stato sentito di recente dai pm salernitani

A 12 anni dall’omicidio del sindaco pescatore Angelo Vassallo, la verità sul delitto potrebbe essere finalmente vicina. Secondo la Procura di Salerno, infatti, c’è un pentito di camorra che potrebbe aiutare gli inquirenti a dare un nome e un volto agli assassini del primo cittadino cilentano. E' quanto riporta l'edizione odierna del Fatto Quotidiano

Originario di Castellammare di Stabia, ex esponente di spicco del clan nocerino-sarnese dei Loreto-Ridosso, indagato in un procedimento connesso a quello dell’omicidio Vassallo, il pentito si chiama Rolando Ridosso ed è attualmente detenuto nella sezione protetta del carcere di Sollicciano, dov’è stato ascoltato di recente dai pm salernitani.

Strage dei Georgofili: la Dia di Firenze acquisisce interviste e video di un pentito deceduto per il Covid

Ridosso, in cinque verbali resi da collaboratore di giustizia tra il 2016 e 2017, aveva già parlato del delitto: dichiarazioni che portarono all’iscrizione nel registro degli indagati di Giuseppe Cipriano, titolare di un cinema di Scafati che, nel 2010, prese in gestione il cinema di Pollica, sito nei pressi del ristorante gestito dalla famiglia Vassallo.

Il nome di Cipriano si aggiunge ad un altro indagato per il brutale assassinio, ovvero l’ex carabiniere Lazzaro Cioffi, anche lui in cella con l’accusa di essere stato a libro paga del clan Fucito di Caivano per agevolare i loro traffici di droga. Ad inizio luglio del 2018, entrambi furono interrogati sul caso: Cioffi restò in silenzo, Cipriano rispose. Intanto, qualche giorno fa i familiari del sindaco pescatore hanno chiesto pubblicamente la desecretazione degli atti d’indagine.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Vassallo: ascoltato pentito di camorra in carcere a Sollicciano

FirenzeToday è in caricamento