menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo dove è avvenuto il duplice omicidio

Il luogo dove è avvenuto il duplice omicidio

Duplice omicidio a Sesto: padre e figlio uccisi a colpi di pistola / FOTO

Arrestato l'autore del duplice delitto. I colpi esplosi al termine di una lite di vicinato

Mattinata tragica a Sesto Fiorentino: padre e figlio sono stati uccisi a colpi di pistola da un vicino di casa. L'uomo, ora accusato dell'omicidio, è stato arrestato dai carabinieri. Quest'ultimo, Fabrizio Barna, è stato trovato poco distante dal luogo del delitto.

I carabinieri erano intervenuti in via dei Grilli - località Quinto Alto - dopo esser stati allarmati dai residenti che avevano udito dei colpi di pistola. Una donna avrebbe specificato, inoltre, di scorgere la sagoma di un corpo riverso in terra. I militari, giunti sul posto, hanno trovato i corpi di padre e figlio, classe '52 e '87, riversi in terra.

IL KILLER: CHI E' 

Il 53enne avrebbe ucciso con una pistola (regolarmente denunciata) i due uomini verso i quali provava risentimento per motivi di vicinato dovuti ai rumori di ristrutturazione della casa colonica adiacente.

Sono in corso i rilievi da parte dei carabinieri della sezione investigazioni scientifiche del comando provinciale. 

AMICI E FAMIGLIA DISTRUTTI / VIDEO/

CRONACA DEL DELITTO

Ore 12 e 40
Una donna chiama i carabinieri della stazione di Sesto Fiorentino dicendo di aver sentito dei colpi di pistola provenire dalla casa affianco.

Ore 13

I carabinieri arrivano nella casa di Via dei Grilli, trovano i corpi di Simone Andronico (di appena 31 anni) e del padre Salvatore. A freddarli sarebbe stato il vicino di casa Fabrizio Barna che non avrebbe sopportato i rumori dovuti alla ristrutturazione. Simone stava rimettendo quella casa per andarci a vivere da solo. Barna si è consegnato alle forze dell'ordine senza opporsi. 

Ore 14
Arriva la scientifica dei carabinieri che transenna l'area. 

Ore 15 e 30
Il vicesindaco Damiano Sforzi si reca nella casa del delitto. "Conoscevo Simone, è una tragedia", ha detto il politico trattenendo a stento le lacrime.

Ore 16 e 30 
Arriva anche il sindaco Lorenzo Falchi. "Sono qui per porgere le condoglianze alla famiglia, è un dolore immenso per Sesto, non voglio fare commenti ma sono certo che i pazzi non devo avere a portata di mano le armi", ha riferito il primo cittadino. 

Ore 17 
Gli amici del 31enne arrivano in massa a piangere Simone. Scortano la mamma del giovane lungo il viale di quella maledetta casa (dove si arriva solo a piedi). La donna non vuole essere ripresa dalle telecamere, il dolore è troppo forte. 

Ore 17 e 15
Vengono portati via i cadaveri di Simone e Salvatore.

Ore 18 e 30
I carabinieri fanno sapere che era in corso un contenzioso di vicinato tra Barna e Andronico. "Dagli accertamenti finora espletati è emerso che la situazione di tensione andava avanti da quando erano iniziati i lavori (gennaio 2018) e che circa un paio di mesi fa le vittime si erano rivolte ad un ufficio di mediazione sociale convenzionato con il Comune, che aveva inviato una lettera di invito al Barna al fine di avviare un tentativo di conciliazione".

Il 53enne viveva da solo nella campagna di Sesto da quando erano morti i genitori. L'uomo avrebbe sparato 8 colpi di pistola.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

I duetti e le canzoni cover cantate a Sanremo 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento