menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sesto Fiorentino: uccise a colpi di pistola i vicini che facevano troppo rumore, ergastolo confermato per Barna

Il duplice omicidio volontario, aggravato dai futili motivi, avvenne nell'ottobre 2018. L'uomo non si è mai pentito

La Corte d’Appello di Firenze ha confermato l’ergastolo per Fabrizio Barna, 56 anni, l’uomo che il 21 ottobre 2018 a Sesto Fiorentino inseguì e uccise a colpi di pistola i vicini di casa Salvatore Andronico, 66 anni, ingegnere di Trenitalia in pensione e il figlio di quest'ultimo Simone, 31, anch'egli ingegnere.

Il duplice omicidio volontario, aggravato dai futili motivi, avvenne in un complesso rurale abitato da più nuclei familiari alle pendici delle colline tra Firenze e Sesto Fiorentino.

Secondo la ricostruzione degli investigatori coordinati dal pm Christine Von Borries, Barna uccise i vicini perché era infastidito dai rumori provocati dai lavori di ristrutturazione della loro proprietà, una casa accanto alla sua che da qualche tempo era un cantiere.

La conduzione dei lavori, come hanno riferito testimoni, era stata già altre volte motivo di discussione e litigi tra Barna e gli Andronico, finché quel giorno, con una pistola regolarmente detenuta, sparò a padre e figlio fino a ucciderli al culmine dell'ennesima discussione.

Interrogato dopo l'arresto, disse al giudice di non ricordare nulla del momento dell'omicidio, solo di aver sparato perché "si sentiva ignorato".

In base alla perizia disposta dal gip nel corso dell'inchiesta, Barna era risultato capace di intendere e di volere e su questa base condannato (in abbreviato) in primo grado al massimo della pena.

La corte d'assise di appello, accogliendo la ricostruzione dell'accusa, ha ora confermato la sentenza. I familiari delle due vittime si sono costituiti parte civile con l'avvocatessa Ilaria Tozzi.

Barna, difeso dall'avvocato Marsico Bisegna, ha messo a disposizione la sua casa per il risarcimento dei danni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento