menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
A sinistra Willy Monteiro. A destra due degli arrestati

A sinistra Willy Monteiro. A destra due degli arrestati

Omicidio Colleferro: da Firenze la class action delle palestre di arti marziali

Sarà seguita dall'associazione Politica, Ora! Il presidente D’Ippolito “Dobbiamo difendere i valori dello sport”

"E’ inaccettabile associare i feroci assassini di Willy alle palestre di arti marziali, è un danno per centinaia di imprese che vedono la loro immagine lesa. Per questo partiremo da Firenze  con una class action per tutelare le palestre in un momento già così delicato”. L’avvocato Roberto D’Ippolito, presidente dell’associazione Politica,Ora! e candidato Pd a Firenze al Consiglio Regionale, seguirà le imprese in questa azione giuridica che coinvolgerà tutte le palestre di arti marziali d’Italia che ritengono di essere state danneggiate dalle polemiche nate in questi giorni collegate all’atroce crimine di Colleferro.

“Gli attacchi subiti nell’ultima settimana sono gravi. Come è possibile che un episodio di violenza inaudita e di crudo sadismo, compiuto da uomini distanti da ogni sentimento di umanità, sia minimamente riconducibile a chi, da sempre, promuove all’interno della società valori quali l’integrazione e il rispetto? Dobbiamo difendere i valori dello sport - commenta D’Ippolito - Le palestre sono spesso luoghi di riscatto sociale, di inserimento, soprattutto in territori dove la criminalità organizzata ha radici più  profonde e recluta giovani. Non dobbiamo fare l’errore di associare le palestre e certi sport ad attività criminali, danneggerebbe proprio le persone più fragili o che vivono in contesti difficili”. 

L’azione di classe aperta alle palestre di arti marziali di tutta Italia, che a Firenze ha già ottenuto le prime adesioni, sarà seguita dall’associazione Polita, Ora! e sarà finalizzata ad ottenere un risarcimento in base ai danni economici subiti e in base alla lesione dell’immagine delle attività e dei loro rappresentanti. “Il percorso, così come regolato dalla legge italiana,  potrà  far valere in giudizio i diritti e gli interessi lesi delle diverse associazioni e società sportive. Sarebbe così possibile - conclude l’avvocato -  ottenere un procedimento più snello e rapido, rispetto a tanti singoli ricorsi, e avere un maggior peso in giudizio”. 

Per informazioni: politicaorafirenze@gmail.com
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Casting per il nuovo film di Pieraccioni: come fare domanda

social

Cake Star a Prato: le tre pasticcerie in sfida

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento