menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Niccolò Ciatti

Niccolò Ciatti

Omicidio Ciatti, la svolta: arrestati due ceceni e avviate le procedure di estradizione

Il mandato di arresto europeo emesso dal gip di Roma, su richiesta della Procura della Capitale, nei confronti dell'indagato già in carcere e di un suo connazionale che si trovava a piede libero

Svolta nell'inchiesta sull'omicidio di Niccolò Ciatti, il giovane scandiccese ucciso in una discoteca a Lloret de Mar, in Spagna, nell'agosto del 2017. Nella tarda serata di ieri, 4 febbraio 2020, è stato arrestato in Francia, in esecuzione di un mandato di arresto europeo, un ceceno considerato responsabile del pestaggio e della morte del 22enne.

Il mandato europeo è stato emesso in base a una ordinanza di custodia cautelare del gip di Roma, su richiesta della Procura della Capitale. Le autorità di polizia francesi, su input del Ros e con il supporto del servizio di cooperazione internazionale di polizia, hanno rintracciato e arrestato il cittadino ceceno a Strasburgo.

Omicidio Ciatti, il padre: "Ucciso perchè ballava"

"Il mandato di arresto europeo - spiega una nota del Ros - è stato emesso sulla base di una ordinanza di custodia cautelare in carcere del gip del tribunale di Roma, su richiesta della locale procura ed è stato spiccato anche nei confronti di un secondo ceceno già in  carcere, in Spagna, per l'omicidio (in quanto colpito da provvedimento restrittivo delle locali autorità)".

"Le investigazioni, svolte in costante raccordo con i collaterali spagnoli - aggiunge il comunicato -, hanno consentito di acquisire solidi elementi identificativi degli autori del delitto e ricostruire appieno la dinamica dell'evento. Sono state avviate le procedure di estradizione". Il che significa che i due ceceni dovrebbero essere processati in Italia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento