rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
Cronaca

Olio extra-vergine: un algoritmo garantirà la provenienza

Grazie al progetto di Università e Camera di Commercio di Firenze, un database incrocerà gli elementi di terreno e prodotto per verificarne la tracciabilità

Un algoritmo matematico per svelare il vero luogo d'origine dell'olio extra-vergine di oliva: è questo l'obiettivo che si propone lo studio-pilota sulla tracciabilità GEOEVO (Geolocalizzazione dell'olio extra-vergine d'oliva), frutto di una convenzione attivata in questi giorni fra Camera di Commercio di Firenze e Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Firenze.

Lo studio punta a sviluppare un innovativo metodo d'indagine attraverso il quale sarà possibile verificare la provenienza di un campione d'olio in funzione delle sue componenti geochimiche.

"La scoperta di nuove frodi in questo settore evidenzia ancora di più gli aspetti rivoluzionari del progetto - sottolinea Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di Commercio di Firenze -. Il consumatore avrà la certezza della provenienza dell'olio che acquista oltre a prove di genuinità utili per confrontare salubrità e prezzo. La filiera verrà salvaguardata nella sua più importante risorsa: la qualità".

Ogni territorio, infatti, presenta delle caratteristiche mineralogiche ben definite e conosciute ai ricercatori. Tra queste, assumono particolare rilevanza gli elementi chimici presenti nell'ambiente e biodisponibili nel suolo.

Attraverso una serie di analisi su campioni di olio e di suolo, sarà individuata la concentrazione e la natura degli elementi in traccia nell'olio e nei suoli per costruire un database e un modello matematico in grado di predire - con ragionevole certezza - da quale territorio proviene un determinato olio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olio extra-vergine: un algoritmo garantirà la provenienza

FirenzeToday è in caricamento