menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nuovo stadio

Nuovo stadio

Nuovo stadio, è scontro. Nardella ai Della Valle: “Noi parliamo con i fatti”

La risposta del sindaco al patron della Fiorentina, che dice: “Non dipende da noi”

Sale il livello dello scontro sul nuovo stadio. Botta e risposta oggi tra il patron della Fiorentina Diego Della Valle e il sindaco di Firenze Dario Nardella, all'indomani dell'ufficializzazione della richiesta da parte della Fiorentina di un proroga per la presentazione del progetto esecutivo.

“Lo stadio dipende da altri fattori, non da noi”, ha detto questa mattina Della Valle intervistato da LadyRadio. “Noi parliamo con i fatti”, la risposta del sindaco, che, a margine degli auguri alla stampa in Palazzo Vecchio, ha voluto sottolineare l'impegno dell'amministrazione per favorire la realizzazione della struttura. 

Ufficialmente la richiesta della nuova proroga richiesta dalla Fiorentina (dopo quella dello scorso anno) ruota intorno alla variante urbanistica di Castello, necessaria per spostare la Mercafir: nei terreni occupati atualmente dal Mercato Ortofrutticolo dovrebbe (a questo punto il condizionale inizia a diventare d'obbligo) essere realizzato il nuovo stadio.

La Fiorentina vuole vedere nero su bianco l'approvazione da parte del Comune della variante (per portare a termine tutte le pratiche ci vorranno 5-6 mesi). Dal quel momento - che sarà più o meno a maggio - la società viola chiede ulteriori 6 mesi per la presentazione del progetto: si arriva così a fine 2018.

Il sindaco Nardella sarebbe però sempre più spazientito dall'atteggiamento dei Della Valle, fino a chiedersi quanto i due fratelli vogliano davvero la nuova struttura, tanto che tramite l'assessore all'urbanistica Bettarini l'amministrazione ha chiesto alla società di vedere a che punto è il progetto: “Fateci vedere le carte”.

Per ora lo 'scontro' rimane celato in comunicati stampa da decifrare e battute a microfoni spenti, ma da Palazzo Vecchio fanno sapere che la nuova proroga (la richiesta è sotto esame dei tecnici comunali, non si sa ancora di quanti mesi sarà) sarà l'ultima: se arriva il progetto finale (assieme ai finanziatori) bene, con il possibile inizio dei lavori nel 2019 e la prima partita nella nuova struttura a fine 2021.

Ma se i Della Valle dovessero tirare troppo la corda sui tempi, queste almeno le indiscrezioni che filtrano da Palazzo Vecchio, il nuovo stadio potrebbe anche saltare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento