rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Cronaca

“No al lavoro usa e getta”: al via la campagna di Nidil Cgil Firenze

A tutela dei lavoratori in somministrazione (in grande crescita nel territorio) con un video-appello a Governo e Parlamento e un'iniziativa di confronto online con alcuni parlamentari

Dopo la pandemia, le assunzioni con contratti di somministrazione hanno ricominciato a crescere (+21% con numeri complessivi di circa 500.000 in Italia e 10.000 a Firenze), "ma in molti casi non si tratta di un periodo iniziale verso un contratto stabile, bensì osserviamo nel nostro territorio due fenomeni preoccupanti - spiega in una nota la Nidil Cgil - Da un lato in alcune aziende (spesso multinazionali) vediamo un utilizzo prolungato della somministrazione nella versione dello staff leasing (lavoratore in prestito) con anzianità che raggiungono i 10 anni presso la stessa azienda, senza opportunità di stabilizzazione; dall'altro, nelle mansioni a bassa qualifica, osserviamo un continuo turn over, secondo la logica usa e getta".

Per questo Nidil Cgil lancia una apposita campagna "No al lavoro usa e getta" e le delegate e i delegati sindacali dei lavoratori in somministrazione della provincia di Firenze hanno girato un video-appello rivolto al Governo e Parlamento per chiedere l'introduzione di un formale diritto di precedenza all’assunzione nella nostra legislazione.

Rider: Just Eat consegna le mascherine. Accordo Nidil Cgil-Deliveriamo per il monitoraggio anti Covid via app

"A fronte dell'imponente investimento del Pnrr - spiega ancora i lsidnacato - riteniamo necessario promuovere lavoro di qualità. A questo fine chiediamo venga introdotto anche per i lavoratori in somministrazione il diritto di precedenza sia rispetto alle assunzioni a tempo indeterminato presso la stessa azienda utilizzatrice, sia rispetto a nuovi contratti a termine, per impedire il fenomeno del turn over".

"Allo stesso modo non possiamo tollerare che nella pubblica amministrazione sia negato ai lavoratori in somministrazione il riconoscimento dell'esperienza pregressa ai fini dell'accesso alle selezioni pubbliche: dal comparto sanità, agli enti locali e ministeri, vediamo un uso importante dei lavoratori in somministrazione anche nel nostro territorio che deve poter trovare un effettivo riconoscimento nelle opportunità di ingresso" aggiunge la Nidil Cgil.

Il video appello sarà presentato nel corso di un confronto in videoconferenza in programma domani martedì 21 giugno alle 18:00, visibile in diretta dalla pagina Facebook di Cgil Firenze, a cui prenderanno parte: Ilaria Lani (Nidil Cgil Firenze), Elena Aiazzi (Cgil Firenze), Davide Franceschin (NidiL Cgil nazionale), Nicola Marongiu (Cgil Nazionale), Romina Mura (Presidente Commissione Lavoro alla Camera), Iunio Valerio Romano (Senatore Movimento 5 Stelle), Chiara Gribaudo (Deputata Partito Democratico), Michele Forlivesi (Consulente Ministero del Lavoro).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“No al lavoro usa e getta”: al via la campagna di Nidil Cgil Firenze

FirenzeToday è in caricamento