Omicidio Ciatti e strage Erasmus: "Dalla Spagna massimo impegno per la verità"

Il ministro della giustizia Bonafede ha incontrato la collega spagnola: "Lo dobbiamo alle famiglie"

"Massima attenzione al caso Ciatti e alle vittime dell'incidente di Freginals. Ho incontrato la mia collega spagnola in un bilaterale in occasione del Gai (Giustizia e affari interni, ndr) di Lussemburgo. Mi ha assicurato massimo impegno per ottenere una verità giudiziaria. Lo dobbiamo alle famiglie".

Lo scrive su Twitter il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, impegnato al Consiglio dei ministri  europei della Giustizia.

Il giovane Niccolò Ciatti è stato pestato a morte in una discoteca di Lloret de Mar, in Spagna, il 12 agosto 2017.

Da quel giorno è iniziata la battaglia legale della famiglia e del padre Luigi e si sono susseguite una serie di iniziative per tenere alta l'attenzione sul caso, tra le quali una targa nel Mercato di San Lorenzo, dove il giovane, originario di Scandicci, lavorava, e nell'agosto scorso uno striscione permanente a Palazzo Medici Riccardi.

Il ministro Bonafede ha ricordato e chiesto alla collega spagnola il massimo impegno anche per la strage delle studentesse Erasmus del 20 marzo 2016: quel giorno in autostrada, nei pressi di Freginals, vicino a Tarragona (Catalogna). Nell'incidente persero la vita 13 ragazze: sette vittime erano italiane, tra cui tre giovani toscane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana torna arancione dal 4 dicembre"

  • Coronavirus: Giani preme per anticipare il ritorno in zona arancione (e gialla)

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Natale: 6 libri ambientati a Firenze da mettere sotto l'albero

  • Ex Panificio Militare: i lavori per la nuova Esselunga slittano ancora

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 1 dicembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento