menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Natale: circolare autorizza le visite ai parenti anche fuori comune

L'intervento del Ministero dell'Interno, ma devono essere persone "non autosufficienti". Linea dura contro i "furbetti"

Servirà l'autocertificazione (o il modulo autodichiarazione) ma, come spiega Today.it, sarà possibile raggiungere e assistere parenti o amici soli e non autosufficienti durante le feste natalizie.

Una circolare pubblicata dal ministero dell'Interno sulle misure del Dpcm 3 dicembre 2020 e sul decreto legge 2 dicembre n. 158 2 certifica quello che era stato anticipato già prima dei provvedimenti, ovvero che sarà possibile fare visita agli amici, ai nonni o agli anziani soli in qualsiasi momento (rispettando il coprifuoco) durante le feste di Natale 2020 e Capodanno 2021. Ma specifica che dovranno essere "non autosufficienti", in attesa delle Faq di Palazzo Chigi. E il coordinatore del Cts Agostino Miozzo chiede la denuncia penale contro chi aggira i divieti. 

La circolare di Natale che "autorizza" le visite ai nonni e agli amici "non autosufficienti"

Il testo della circolare inviata da Luciana Lamorgese ai prefetti specifica alle pagine 2 e 3 che, pur essendo vietati nei periodi indicati gli spostamenti tra regioni e comuni, è possibile sia fare visita a parenti e amici soli "non autosufficienti" che tornare a casa, ovvero:

  • resta comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma;
  • tra le situazioni di necessità, può farsi rientrare, a mero titolo di esempio, l’esigenza di raggiungere parenti, ovvero amici, non autosufficienti, allo scopo di prestare ad essi assistenza, secondo quanto già chiarito in apposita FAQ pubblicata sul sito web del Governo.

Va però sottolineato che in questi casi sarà necessario compilare il modulo autodichiarazione (la cosiddetta autocertificazione). Si vigilerà sugli spostamenti ma nell'autodichiarazione, tra "le situazioni di necessità", sarà possibile inserire "l'esigenza di raggiungere parenti, ovvero amici non autosufficienti allo scopo di prestare ad essi assistenza, secondo quanto già chiarito in apposita Faq pubblicata sul sito web del governo". C'è da segnalare che nella norma non si specifica che questi debbano essere "soli". E soprattutto, appare vago il riferimento alla "non autosufficienza" degli amici e dei parenti da visitare: secondo le indicazioni dell’International Classification of Functioning Disability and Health-ICF dell’Organizzazione mondiale della sanità non autosufficiente è chi ha:

  • l'incapacità di provvedere autonomamente al governo della casa, all’approvvigionamento e alla predisposizione dei pasti; 
  • l'incapacità di provvedere autonomamente alla cura di sé, ad alimentarsi e al governo della casa; 
  • l'incapacità di provvedere autonomamente alle funzioni della vita quotidiana e alle relazioni esterne e presenza di problemi di mobilità e di instabilità clinica.

Per il resto, il ministero dell'Interno fa sapere che la grande stretta dei controlli di Natale comincerà il 21 dicembre, quando diventeranno operative le disposizioni dell’ultimo Dpcm. Ma già oggi, visto il Ponte dell'Immacolata, i controlli sono scattati. 

Gli italiani in viaggio prima del 21 dicembre

Il tutto accade mentre sui giornali si racconta come si sta organizzando chi vuole aggirare i controlli di Cenone e Veglione: molti italiani sembrano aver deciso di spostarsi per raggiungere le loro destinazioni natalizie il 19 e 20 dicembre.

Più tranquilla la situazione sui treni, dove resta in vigore la regola della capienza al 50%: "Non si registrano picchi di acquisti per viaggi sui treni nazionali di Trenitalia (Frecce e Intercity) nelle prossime settimane", fa sapere Fsnews. "Probabilmente le persone si stanno ancora organizzando ma il temuto assalto al treno non potrà comunque ripetersi".  

Infine, ''a decorrere dal 10 dicembre 2020, nel caso di soggiorno o transito nei quattordici giorni anteriori all'ingresso in Italia in uno o più Stati o territori di cui all'elenco C dell'allegato 20, occorrerà presentare al vettore e agli organi preposti ai controlli l'attestazione di essersi sottoposti, nelle 48 ore antecedenti all'ingresso, e quindi in territorio estero, a tampone risultato negativo. La mancata presentazione di tale attestazione comporterà, fra l'altro, l'applicazione dell'obbligo di sottoporsi alla sorveglianza sanitaria e all'isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni''. E' quanto si legge nella circolare inviata dal Viminale ai prefetti e firmata dal capo di Gabinetto del ministero dell'Interno Bruno Frattasi, relativa al nuovo dpcm. ''Nel periodo ricompreso fra il 21 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021 - si legge nella circolare - l'obbligo di sottoporsi alla sorveglianza sanitaria e all'isolamento fiduciario troverà comunque applicazione nei confronti delle persone che, residenti o meno in Italia, facciano ingresso nel territorio nazionale per motivi diversi dalle esigenze lavorative'', di ''assoluta urgenza'', ''esigenze di salute'', di studio e per ''rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza''.

La denuncia penale per chi aggira i divieti

E mentre il governatore toscano Eugenio Giani in un’ordinanza prevede deroghe al divieto di spostamento tra comuni il 25, il 26 e il primo gennaio, fino al 6 gennaio i negozi potranno restare aperti fino alle 21 in tutto il Paese.

E il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico Agostino Miozzo chiede intanto di denunciare penalmente (e non solo di multare) chi aggira i divieti: "Gran parte della popolazione italiana le raccomandazioni le sta rispettando. Poi ci sono i soliti furbetti che alterano l’equilibrio tra ordine e raccomandazione, sono quelli che navigano negli spazi lasciati dalle migliori intenzioni del governo. Per questo a preoccupare è il meccanismo emulativo. Servono controlli rigidi e segnali importanti", dice in un'intervista al Messaggero. Quali? "Se si ferma un soggetto e questo produce un’autocertificazione che ad una verifica risulta falsa, non puoi dargli solo la multa di 300 euro. Devi perseguirlo effettivamente con una denuncia per falso in atto pubblico. Per estremizzare bisogna portarlo di fronte ad un giudice penale, così non c’è il rischio si prendano sotto gamba le misure. Non può passare il messaggio che si tratta di una sorta multa per divieto di sosta, va a finire che qualcuno che dica “chi se ne frega” lo trovi sempre". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Oroscopo Paolo Fox oggi 18 gennaio 2021: le previsioni segno per segno

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    "Entro il 2025 il nuovo Sant'Orsola": ecco come sarà / LE IMMAGINI

  • Cronaca

    Coronavirus: a Firenze 36 nuovi casi e 8 decessi

  • Cronaca

    Test antigenici a campione nelle scuole superiori

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Volterra sarà la Città toscana della cultura 2022

  • Psicologia: nel cuore della mente

    Pandemia e personalità dei giovani

Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento