menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nardella porta in tribunale Montanari: "Chiede risarcimenti per 165 mila euro"

Lo storico d'arte a Report definì gli amministratori di Firenze "al servizio di capitali stranieri", ora chiama a raccolta i fiorentini: "Vogliono intimidirmi, è in gioco la libertà"

Una richiesta danni da 165mila euro formulata dal sindaco di Firenze in persona insieme a dieci assessori della sua giunta di Palazzo Vecchio. Il destinatario è lo storico dell'arte Tomaso Montanari, secondo quanto ha reso noto egli stesso in un articolo pubblicato oggi da Il Fatto Quotidiano.

A scatenare l'ira di Dario Nardella, insieme a quella degli assessori o ex Giachi, Bettini, Del Re, Funaro, Gianassi, Giorgetti, Guccione, Martini, Sacchi e Vannucci, secondo quanto riporta nell'articolo Montanari sarebbe una dichiarazione rilasciata dallo stesso nella trasmissione Report.

"Firenze è una città in svendita. E' una città all'incanto, è una città che si piglia chi offre di più, e gli amministratori di Firenze sono al servizio di questi capitali stranieri": è lo stesso Montanari che riporta le parole che avrebbero scatenato la reazione della richiesta di risarcimento.

Durante la trasmissione si parlava dell'ipotesi di realizzare una teleferica che partisse dal giardino di Boboli. "L'espressione 'essere al servizio' la usa Marrucci (il giornalista di Report ndr). - scrive Montanari - Io la riprendo volentieri, perché l'ho usata mille volte, anche per i governanti della mia città".

"Io credo che Nardella e i suoi abbiano capito, come tutti gli altri, - aggiunge lo storico dell'arte - che la mia, ed è, una dura critica politica, non certo l'allusione a scambi illeciti. Potrei amaramente dire: magari ci fossero quegli scambi, almeno capirei che c'è una ragione per massacrare una città! Invece non ci sono, per quel che so e, dunque, è un massacro gratuito".

"Questa richiesta di danni allora - prosegue - come altro può interpretarsi se non come un'intimidazione contro un'oppositore, assai pesante sotto il profilo economico". E lancia un appello: "Per amore della mia città, non tacerò", sottolinea. E annuncia iniziative pubbliche e "chiederò ai fiorentini che si riconoscono in questa battaglia per un'altra Firenze di contribuire". "Anche economicamente", spiega. "Questa battaglia - conclude - non riguarda solo me, è in gioco la libertà del pensiero critico e la tenuta democratica del nostro stare insieme". 

Un appello che attende solo di essere raccolto. Ad esprimere solidarietà a Montanari, per adesso, è l'associazione Italia Nostra. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Oroscopo Paolo Fox oggi 18 gennaio 2021: le previsioni segno per segno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Arte: i tesori di Firenze

    Museo della Misericordia: custode di storia e arte

  • social

    Volterra sarà la Città toscana della cultura 2022

Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento