Musei, nel 2015 è boom in tutta Italia: Uffizi al terzo posto

Firenze ne piazza 4 tra i primi 12: Uffizi, Accademia, Boboli e Galleria Palatina. Primo il Colosseo, che stacca tutti

Tra i primi sei musei più visitati d'Italia nel 2015, Firenze ne piazza ben 3: gli Uffizi al terzo posto, la Galleria dell'Accademia al quarto, il circuito museale Boboli e Argenti al sesto. Quello appena trascorso è stato un anno di successo e record per tutti i musei italiani. I numeri li ha annunciati ieri il ministro per la cultura Dario Franceschini, di fronte al comitato permanente del turismo.

A livello nazionale, il Colosseo di Roma batte tuttti, piazzandosi al primo posto come museo più visitato, con oltre 6 milioni e 500mila visitatori, +6% rispetto al 2014. Al secondo posto gli scavi di Pompei che, staccati di 3 milioni e 600mila ingressi, sfiorano i 3 milioni di ingressi (2 milioni e 934mila), con un +12%. Poi al terzo posto, come detto, gli Uffizi, con 1 milione e 971mila visitatori: +2% sul 2014.

A livello complessivo, per i musei italiani si parla di 43 milioni di visite (+6%, pari a 2,5 milioni di visitatori in più) e incassi per 155 milioni di euro. "Per la storia del nostro Paese è il miglior risultato di sempre, un record assoluto per i musei italiani - esulta il ministro Franceschini -, in un momento internazionale che invece è in controtendenza. Il riavvicinamento al patrimonio culturale ci arricchisce e ci rende consapevoli della magnifica storia dei nostri territori".

Franceschini sottolinea anche l'effetto positivo delle domeniche gratuite, le prime del mese (gli ingressi gratuiti sono stati circa 3 milioni e mezzo). I risultati sono ancora più positivi se si tiene conto che già il 2014 era stato molto positivo: +6% di visite (pari a 2,5 milioni di ingressi) e +14% di incassi. Quindi in due anni si parla di 5 milioni di visitatori in più.

Ecco la classifica dei dodici musei italiani più visitati nel 2015. Al 12esimo posto di nuovo Firenze, con la Galleria Palatina, che quindi ne piazza 4 nei primi 12:  
 
1) Colosseo (6.551.046 visitatori, +6% rispetto al 2014)  
2) Scavi di Pompei (2.934.010, +12%)  
3) Uffizi (1.971.596, +2%)  
4) Gallerie dell’Accademia, Firenze (1.415.397, +6%)  
5) Castel S.Angelo (1.047.326, +2,5%) 
6) Circuito Museale Boboli e Argenti (863.535, +5%)  
7) Museo Egizio di Torino (757.961 +33%)  
8) Venaria Reale (555.307 visitatori, +6,5%)  
9) Galleria Borghese (506.442)  
10)Reggia Caserta (497.158, +16%).  
11) Villa D’Este (439.468)
12) Galleria Palatina, Firenze (423.482)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Soddisfatto anche il direttore del polo museale regionale della Toscana, Stefano Casciu: "Il trend è positivo, coinvolge tutti, grandi e piccoli - commenta -. Ovviamente i grandi musei, come gli Uffizi, sono i protagonisti , ma in certi casi fanno da traino anche ai piccoli, per i quali servirebbe forse una maggiore presenza sui media".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • I migliori locali low cost d'Italia, cinque sono a Firenze. Ecco dove mangiare bene e spendere poco

  • Ristoranti, due locali di Firenze nella classifica dei migliori ristoranti di lusso

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento