rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Cronaca

Nardella annuncia l'apertura del museo di Palazzo Vecchio anche a Natale per la prima volta, "indignati" i sindacati

Duro botta e risposta tra primo cittadino e rappresentanti dei lavoratori, che attaccano: "Scelta unilaterale"

"Per la prima volta apriamo il museo di Palazzo Vecchio a Natale, in orario pomeridiano, dalle 14. E per la prima volta apriamo Palazzo Vecchio e Museo Novecento anche a Capodanno fin dalla mattina dalle 11, mentre negli anni passati il 1º gennaio si apriva solo il pomeriggio". E' l'annuncio, nel fine settimana, del sindaco Dario Nardella.

"Ringraziamo i lavoratori, che con senso di responsabilità consentono all’amministrazione di fare un bel regalo ai fiorentini e ai turisti in questo periodo di feste, dando un’opportunità in più per visitare questi splendidi musei", sottolinea il primo cittadino.

"Quanto alle legittime rivendicazioni di alcuni dipendenti della Rear, società che gestisce servizi in appalto a livello nazionale per diversi musei, ricordo che gli accordi sindacali non dipendono dall’amministrazione comunale, ma voglio rassicurarli che mi farò parte attiva con la loro azienda perché si tenga conto dell’importanza di offrire adeguati riconoscimenti a quei lavoratori che ogni giorno, anche durante le feste, contribuiscono con competenza e passione a far vivere le emozioni e la bellezza del nostro straordinario patrimonio culturale", conclude Nardella.

La replica dei sindacati

Se da un lato ci sarà dunque una possibilità in più per visitare il museo, dall'altra nel giorno di Natale ci sarà qualcuno che invece di poter stare con la famiglia quel museo dovrà tenerlo aperto. E' quello che mettono in rilievo i sindacati, replicando seccamente alle parole del primo cittadino.

"La comunicazione da parte della direzione Cultura alle aziende che gestiscono il personale del Museo di Palazzo Vecchio non riporta alcuna volontarietà", si legge nella nota diffusa da Cgil, Uil, dipendenti della cooperativa Rear e dell'associazione Mus.e, che "garantiscono 364 giorni l'anno l'apertura dei Musei Civici Fiorentini".

"Ai dipendenti della cooperativa REAR in appalto e dell'associazione Mus.e in concordato non è stato chiesto di lavorare su base volontaria in quanto essi, in seguito agli accordi che le aziende hanno preso col comune di Firenze, sono obbligati a garantire il servizio e aprire il Museo su inderogabile decisione del Sindaco e della Giunta. Solo ed unicamente ai dipendenti del Comune è stata chiesta la disponibilità su base volontaria. I dipendenti dell'associazione e della cooperativa sono stati chiamati a lavorare obbligatoriamente vedendosi negare preventivamente ogni richiesta di ferie.  Il Museo di Palazzo Vecchio e il Museo Novecento - si legge ancora -, sono sempre aperti a Capodanno, con orario 14-19 mentre sono sempre chiusi il 25 dicembre. L'indignazione dei lavoratori deriva proprio dalla straordinarietà dell'apertura del Museo di Palazzo Vecchio il giorno di Natale che è stata comunicata con pochi giorni di anticipo e in maniera unilaterale. I musei statali non saranno aperti a Natale. Sono state programmate con largo anticipo, previo accordi,  alcune aperture straordinarie nei giorni di chiusura settimanale ma nessun museo statale sarà aperto in via eccezionale anche il 25 dicembre. Per questi motivi i lavoratori dei servizi al pubblico dei Musei Civici Fiorentini esprimono la loro indignazione in merito alla scelta unilaterale dell'amministrazione comunale di aprire straordinariamente il Museo di Palazzo Vecchio il giorno di Natale".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nardella annuncia l'apertura del museo di Palazzo Vecchio anche a Natale per la prima volta, "indignati" i sindacati

FirenzeToday è in caricamento