menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il partigiano Cipriani durante una manifestazione

Il partigiano Cipriani durante una manifestazione

Morto il partigiano Moreno Cipriani, l'Anpi: "Era uno dei nostri maestri

Il ricordo del sindaco e di Tommaso Grassi

E' morto, a Scandicci, il partigiano Moreno Cipriani, all'età di quasi 91 anni (era del 1928). Il suo nome di battaglia era Gippe’, era presidente onorario della locale sezione dell’Anpi e membro dell’Aned. Cipriani aveva origini ebraiche infatti suo padre, Oscar Cipriani, fu deportato a Mauthausen e morì a Ebensee.

“Era uno dei nostri maestri - ricorda la presidente di Anpi Firenze Vania Bagni -, aveva una passione instancabile nel divulgare e trasmettere, soprattutto ai giovani, i valori dell’antifascismo e dell’antirazzismo. E’ l’eredità forte che Moreno ci lascia”.

Il ricordo di Nardella

“Un altro grave lutto ha colpito la nostra comunità dopo la scomparsa del partigiano Silvano Sarti: ci ha lasciato Moreno Cipriani, instancabile testimone della Resistenza e dell’antifascismo”, afferma il sindaco Dario Nardella.

Morto Silvano Sarti, addio al partigiano 'Pillo'

“Moreno - continua il sindaco - perse il padre da ragazzo, deportato nei campi di concentramento nazisti, e da allora scelse la strada della giustizia, della democrazia, della pace e della libertà, combattendo anche per la liberazione della nostra città. Per tutta la vita, a fianco di Anpi e Aned, si è distinto nel suo impegno a favore delle nuove generazioni, portando la sua testimonianza nelle scuole e accompagnando i giovani nei viaggi della memoria. Giunga alla famiglia il cordoglio mio personale e quello della città di Firenze”.

Il ricordo di Tommaso Grassi 

"L'ho conosciuto a casa sua a San Lorenzo, a Firenze, per alcuni problemi alla casa in cui abitava - racconta su Facebook il capogruppo di 'Firenze riparte a Sinistra' -. Dopo ci siamo visti a tutte le iniziative dell'Aned, associazione degli ex deportati che seguiva sempre, anche quando non era in forma. La sua presenza, i suoi interventi e le sue parole sono stati un punto di riferimento che porteremo nel cuore. Sabato sarò alla manifestazione antifascista a Prato e Moreno con tutti noi per dire che i fascisti non li vogliamo"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento