Stazione: clochard muore, l'ipotesi: "mix di alcol e droga"

L'uomo era stato soccorso d'urgenza e portato in ospedale: purtroppo tutto vano 

Stamani un clochard di circa 40 anni è morto all'ospedale di Santa Maria Nuova dopo che, nel tardo pomeriggio di ieri, avrebbe assunto alcol e cocaina nei pressi della stazione.

A trovarlo in stato di alterazione erano state le guardie giurate che effettuano servizio in zona, quindi erano intervenuti gli agenti delle volanti.

Sono state le prime a richiedere l'intervento dei sanitari del 118 che hanno trasportato l'uomo all'ospedale di Santa Maria Nuova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qui il 40enne è stato ricoverato d'urgenza. In mattinata però, purtroppo, è sopraggiunto un infarto a seguito del quale è stato dichiarato il decesso. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus, verso un nuovo Dpcm: ipotesi 'coprifuoco' alle 22 ovunque

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus, impennata di nuovi casi: 755 in Toscana 263 a Firenze  

  • Coronavirus, Careggi torna al lockdown: stop alle visite dei parenti

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento