rotate-mobile
Cronaca

Il dramma di Laura Porta: anche il piccolo Andrea non ce l'ha fatta

L'infermiera era morta la scorsa settimana all'ottavo mese di gravidanza a causa di una devastante emorragia cerebrale. Il figlio era stato fatto nascere con parto cesareo d'urgenza e le sue condizioni erano apparse sin da subito molto gravi

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Non c'è stato nulla da fare. Il piccolo Andrea non ce l'ha fatta. Era il figlio di Laura Porta, l'infermiera 36enne originaria di Bolotana (Sassari) morta la scorsa settimana all'ottavo mese di gravidanza a Pistoia. Il figlio era stato fatto nascere con parto cesareo d'urgenza e le sue condizioni erano apparse sin da subito molto gravi.

Si è sperato fino all'ultimo, ma il piccolo è deceduto all’ospedale Meyer dopo alcuni giorni di ricovero, tra le braccia del padre Antonio, guardia penitenziaria che Laura aveva conosciuto quando lavorava nel carcere della Dogaia, a Prato. Laura Porta prestava servizio anche come volontaria alla Misericordia.

La giovane donna era morta a causa di una devastante emorragia cerebrale, forse dovuta ad aneurisma. Il compagno aveva chiamato il 118 quando Laura era andata in bagno, aveva vomitato e aveva perso i sensi cadendo a terra. Vani tutti i soccorsi, l'arrivo dell'ambulanza, il trasferimento in sala operatoria, dove con un cesareo era stato fatto nascere il bimbo. La scomparsa di Laura Porta ha destato profonda commozione tanto in Toscana, dove da anni si era trasferita per lavoro, quanto nella sua Sardegna. Folla immensa per il suo funerale a Bolotana lo scorso venerdì.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il dramma di Laura Porta: anche il piccolo Andrea non ce l'ha fatta

FirenzeToday è in caricamento