Cronaca

Addio a Carla Fracci: la stella più luminosa vola a danzare tra le stelle

La straordinaria étoile ammirata per mezzo secolo da tutto il mondo scompare a 84 anni. E' stata assessore provinciale a Firenze per 5 anni

Il mondo della danza, dell'arte, della cultura, piange Carla Fracci, scomparsa oggi, 27 maggio 2021, all'età di 84 anni.

L’étoile della Scala, regina assoluta e incontrastata della danza italiana, nata nel 1936 a Milano, era da temp oalle prese con problemi di salute.

Carla Fracci aveva debuttato nel 1955, sul palco del Piermarini, che è stato un trampolino per i teatri più famosi del mondo.

Carla Fracci e Firenze

Carla Fracci era molto legata a Firenze e dal 2009 al 2014 era stata assessore alla cultura e allo spettacolo della Provincia. Nel 2008, la leggenda della danza aveva ricevuto le Chiavi della città, il prestigioso riconoscimento attribuito dall'amministrazione comunale a personalità che hanno legato il loro nome alla città di Firenze.

L'ex presidente della Provincia, Andrea Barducci, la ricorda con un post su Facebook: "La nominai Assessore della Giunta provinciale. Ho avuto il piacere e l'onore di collaborare insieme per cinque anni. La grandezza delle persone  si misura dalla loro semplicità.  Addio signora Carla. Beppe un grande abbraccio".

"Apprendo con dolore della morte di Carla Fracci- gli fa eco il sindaco di Firenze e della Città metropolitana Dario Nardella -, la nostra stella nell'arte incantatrice della danza. Mi stringo ai suoi cari e ricordo in lei anche l'amministratrice, assessora alla Cultura nella Provincia di Firenze che sviluppò legami con la Russia, prese le parti dei bambini Saharawi, l'impegno per la salvaguardia del Maggio Musicale Fiorentino. Sono solo tre espressioni di un impegno portato avanti con discrezione e autorevolezza. Ho stretto un bel legame di amicizia con Carla Fracci e nel corso degli anni ho avuto modo di collaborare spesso con lei, coltivando insieme la passione per la buona amministrazione, per la musica, per la cultura che fa crescere il senso di un'appartenenza comune fondata su ciò che dura".

Il ricordo del sindaco di San Casciano

 Un post di ricordo anche dal sindaco di San Casciano, comune amato da Carla Fracci dove aveva comprato una casa. "Carla Fracci è stata senza ombra di dubbio una delle ballerine più conosciute e apprezzate del panorama mondiale. Grazie al suo immenso talento ha conquistato il cuore di milioni di persone che nella sua lunga carriera l’hanno amata e ammirata" - scrive Massimiliano Pescini. "La ricordo anni fa, nel 1995, quando a San Casciano, dove aveva una casa insieme al marito Beppe Menegatti, inaugurò il Teatro Niccolini dopo il lungo e importante restauro.  Anni dopo, nel 2014, da sindaco sempre al Niccolini ebbi il piacere di ammirare la mostra “La storia in un abito di scena” con i costumi  di scena di “Petruska” di Stravinskij, interpretato dalla Fracci. Un legame con la donna e la ballerina che non dimenticheremo mai".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Carla Fracci: la stella più luminosa vola a danzare tra le stelle

FirenzeToday è in caricamento