Scomparsa Alessandra Borsetti Venier: la donna delle "scarpette rosse"

E' stata una figura fondamentale per l'arte e la cultura fiorentina

Foto dalla sua pagina Facebook

Ieri notte è scomparsa Alessandra Borsetti Venier, artista, editrice, presidente di numerose associazioni, tra cui “La Voce dei Poeti”, presidente della" Morgana edizioni" e perfermer delle "Scarpette rosse": l'installazione realizzata per sensibilizzare il grande pubblico sul tema del femminicidio.

Era l'8 marzo del 2014 quando in piazza Vittorio Emanuele a Pontassieve portò più di 400 paia di scarpe per ricordare le donne vittime di violenza nel 2013 in tutta Italia (l'evento è nato in Messico su idea dell'artista Elina Chauvet).

“Con Alessandra Borsetti Venier scompare non solo una grande artista, ma anche una performer, ideatrice e animatrice entusiasta e molto attiva, autrice di significativi eventi culturali. Una vera pioniera della cultura cittadina. Firenze – sottolinea Maria Federica Giuliani – ha perso una grande artista. Ne sentiremo molto la mancanza, esprimo il mio cordoglio per la sua prematura scomparsa. E’ stata davvero un’artista poliedrica che ha lottato e operato molto in difesa dei diritti".

Il ricordo del comune di Pontassieve

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ci ha lasciato Alessandra Borsetti Venier, protagonista della cultura a livello nazionale e internazionale che abbiamo avuto la fortuna di avere nel nostro comune nella sua "casa per l'arte contemporanea - la Barbagianna" - sulle colline di Pontassieve. Numerose le collaborazioni con la nostra amministrazione, dalle iniziative editoriali con la sua casa editrice 'Morgana Edizioni" a quelle che intrecciavano temi di attualità ed interesse generale proposte anche sul territorio, tra le quali va ricordata la performance artistica contro la violenza sulle donne in Piazza Vittorio Emanuele II l'8 marzo 2014. Alla nostra biblioteca aveva donato una serie di pubblicazioni della sua casa editrice Morgana Edizioni. Una persona solare e di grande cultura, stimata per il suo impegno nel promuovere la cultura e l’arte contemporanea, nella quale si era affermata come vera pioniera, sia in Italia che all’estero. Alla sua costanza si deve anche l'archivio “La voce dei poeti”, una raccolta di testimonianze audio uniche che conservano la memoria di una stagione letteraria che attraversa tutto il Novecento italiano. Ai familiari, agli amici vanno le condoglianze dell'Amministrazione Comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Rifiuta di indossare la mascherina: caos in Piazza della Repubblica 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento