rotate-mobile
La crisi / Calenzano

Moda, licenziamenti alla Acme: "La soluzione non può essere mettere per strada 14 famiglie" / FOTO

Sindacati e lavoratori chiedono l'intervento di Giani

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

“Non è possibile pensare che la soluzione sia mettere per strada 14 famiglie”. Non ci sta Iuri Campofiloni della Fiom Cgil di Firenze al licenziamento dei 14 lavoratori della Acme di Calenzano per cui è stata aperta la procedura. Davanti ai cancelli dell'azienda si sono riuniti in presidio i lavoratori insieme a tutti i delegati del settore per Uil e Cgil per cercare di dare una risposta forte.

“Abbiamo fatto convergere davanti all'azienda tutte le delegate e i delegati – spiega Campofiloni - perché essendo il primo licenziamento collettivo del mondo della moda vogliamo dare un segnale forte per far capire che non può essere questo il modo di affrontare la crisi, senza precedenti, del settore moda. Non lo accetteremo e non lo permetteremo”.

Il presidio è durato due ore ed è stato molto partecipato. I sindacati vogliono soluzioni per i lavoratori. “Chiediamo l'immediato ritiro del licenziamento e chiediamo a Giani di intervenire sulla proprietà Mont Blanc – commenta Campofiloni - perché siano immediatamente ritirati i licenziamenti e intervenga sul fornitore di modo che i lavoratori vengano ricollocati nelle quattro aziende che fanno parte del gruppo in zona. Sono realtà monocommittenti che fanno parte dello stesso processo o comunque ne fanno parte”. 

Presidio lavoratori acme Calenzano

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moda, licenziamenti alla Acme: "La soluzione non può essere mettere per strada 14 famiglie" / FOTO

FirenzeToday è in caricamento