Ministro Speranza a Firenze in visita a Meyer, Careggi e Menarini

Speranza: "In Senato abbiamo approvato il Decreto rilancio, dove ci sono 3 miliardi e 250 milioni per il servizio sanitario nazionale. Voglio ricordare che negli ultimi 5 mesi abbiamo messo più risorse che negli ultimi 5 anni"

Il ministro Speranza al Meyer

Il ministro della sanità Roberto Speranza ha visitato lo stabilimento farmaceutico Menarini e gli ospedali Meyer e Careggi. "Sono molto contento di avere trascorso questa giornata in Toscana - ha affermato il ministro -, e a Firenze in particolare, e di avere visitato uno stabilimento farmaceutico come la Menarini e aziende sanitarie come il Meyer e Careggi".

"Abbiamo vissuto mesi molto difficili - ha aggiunto Speranza - e ci siamo trovati di fronte a scelte che nessuno aveva fatto prima, di cui ci siamo assunti la responsabilità, supportati da un comitato scientifico qualificato. Oggi posso dire che sono state scelte giuste, che ci hanno permesso di ripartire. Altri Paesi, che hanno scelto strade meno dure, stanno pagando un prezzo altissimo. Le nostre istituzioni repubblicane hanno retto a questa dura prova. La nostra comunità nazionale ha dato prova di unità nel momento della difficoltà, trovando le sue migliori risorse".

"In Senato abbiamo approvato il Decreto rilancio, dove ci sono 3 miliardi e 250 milioni per il servizio sanitario nazionale. Voglio ricordare che negli ultimi 5 mesi abbiamo messo più risorse che negli ultimi 5 anni".

Infine, in riferimento all’ultima ordinanza del presidente Rossi sul tracciamento, test e cure presso gli aeroporti per i cittadini extra Unione Europea, Speranza ha sottolineato che “il lavoro della Regione Toscana va nella direzione giusta. I controlli dei confini, degli aeroporti e dei porti, è un tema molto importante".

Rivolgendosi poi agli operatori sanitari, incontrati nell’Auditorium del Cto di Careggi, il ministro Speranza ha sottolineato ancora una volta che occorre “far capire che gli investimenti in salute non sono spese di attività improduttive, ma il più grande investimento che si possa fare sulla qualità della vita delle persone”.

All’incontro con il ministro erano presenti, fra gli altri, l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, le direzioni generali delle aziende visitate, il rettore dell’Università degli Studi di Firenze, Luigi Dei, il prefetto di Firenze Laura Lega, il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Eugenio Giani.

“Ringrazio a nome di tutta la città il ministro Speranza per la visita di questa giornata, dedicata alle eccellenze pubbliche e private della sanità del nostro territorio”. Così il sindaco Dario Nardella commenta la vista di ieri a Firenze del ministro della Salute Roberto Speranza.

“Il ministro ha fatto visita alla Menarini - continua il sindaco -, prima azienda italiana nel settore farmaceutico, che ha presentato gli ultimi progetti tra cui l’impegno per la produzione di test per il Covid, la ricerca per individuare una cura contro il virus, ma anche la recente acquisizione di un’importante azienda negli Stati Uniti e il progetto di realizzare un nuovo stabilimento a Sesto Fiorentino, alle porte di Firenze, con 250 dipendenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Follia in Appennino: contromano per 40 chilometri sull'autostrada A1

  • Toscana in "zona gialla rafforzata": cosa si potrà fare e cosa no

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 13 gennaio 2021: le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, 529 casi in Toscana. A Firenze 116 nuovi positivi e 3 decessi

  • Scomparso nel Senese la vigilia di Natale, lo ritrovano perché ubriaco si schianta a Firenze contro un semaforo

  • Nuovo Dpcm e spostamenti per andare dai congiunti fuori regione: cosa succede da sabato 16 gennaio

Torna su
FirenzeToday è in caricamento