rotate-mobile
Cronaca

Prato, le novità per il passaggio delle Mille Miglia

Dove vedere la parata delle auto d'epoca

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

 A tre anni di distanza dall'unica e ultima volta della "Mille Miglia" a Prato, quando si registrò un bagno di folla per salutare le circa 500 vetture presenti, la corsa più bella del mondo tornerà da queste parti. Il passaggio è previsto per il 14 giugno, nell’ambito della quarta tappa, quella che porterà le auto d’epoca da Roma a Bologna. La carovana entrerà in provincia da Carmignano, all'altezza de Il Pinone, per poi passare da Poggio a Caiano e via Roma, fino a svoltare sull'asse delle industrie. Qui i partecipanti entreranno in via Berlinguer, transiteranno davanti al Museo Pecci e gireranno in via Ferrucci lungo la corsia preferenziale. Da qui ci sarà l'approdo in piazza San Marco e viale Piave per il controllo orario nei pressi del Castello dell'Imperatore. Il primo approdo, quello delle 120 Ferrari del Tribute 1000 Miglia, in capo al convoglio, è previsto intorno alle 17:15. Quello delle 420 auto storiche, assieme alle full electric della Mille Miglia Green, delle supercar, delle hypercar moderne della Mille Miglia Experience e dell'auto a guida autonoma del politecnico di Milano è in programma invece verso le 18.30.

Dopo il passaggio dal Castello dell'Imperatore, ci sarà un controllo a timbro in piazza del Comune, poi le auto attraverseranno per la prima volta anche piazza del Duomo. A seguire via Muzzi, Porta Pistoiese con l'accoglienza della comunità cinese, via Bologna e l'ingresso nel viale del Fabbricone Storico che racconterà la tradizione tessile del distretto. La parte finale vedrà le auto circolare lungo Ponte Datini, viale Borgovalsugana, via Firenze e dirigersi al confine provinciale con Calenzano. In totale transiteranno da Prato circa 1.110 auto fra quelle in corsa e quelle legate al comitato organizzatore.

“Sono grato a tutti coloro che sono qui oggi e che per la seconda volta hanno reso possibile l’organizzazione del passaggio della 1000 Miglia dalla nostra città - il commento del Matteo Biffoni - Si tratta di una festa cittadina che rappresenta la corsa più bella del mondo e che porta con sé passione, interesse e voglia di collaborare. Faremo del nostro meglio per far sì che tutto vada nel migliore dei modi, perché ci teniamo che Prato lasci un bel ricordo in tutti gli automobilisti che la attraverseranno, con l’auspicio che in futuro rimanga un punto di riferimento per il passaggio della corsa”. 

Corsa che quest'anno porta con sé una novità non indifferente: la compensazione delle emissioni inquinanti attraverso un progetto di neutralità carbonica. L'idea vede come protagonista Aci Prato, che grazie al contributo dei suoi tecnici ha calcolato l'impatto delle manifestazione, in particolare in termini di quantità di anidride carbonica emessa. E che poi in accordo con l'amministrazione comunale provvederà a piantumazioni e ad azioni green per pareggiare la bilancia delle emissioni.

 “In città si respira grande entusiasmo intorno al passaggio della Mille Miglia – afferma il presidente di Aci Prato, Federico Mazzoni - Il tracciato d'altronde è spettacolare, le auto che passeranno da Prato saranno dei veri e propri pezzi unici, e il comitato organizzatore sta studiando ogni minimo dettaglio per rendere la corsa indimenticabile. Come Automobile Club Prato vogliamo inoltre lanciare un messaggio d'attenzione all'ambiente e confermare la filosofia d'attenzione all'impatto sul territorio delle nostre manifestazioni. Un cammino congiunto col Comune, con il quale abbiamo trovato totale collaborazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prato, le novità per il passaggio delle Mille Miglia

FirenzeToday è in caricamento