menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Migranti: arrivano 45 persone in Toscana dal Cara di Castelnuovo

Baccelli (Pd): "Siamo di fronte a una gestione paradossale del fenomeno migratorio da parte del Governo"

"Siamo di fronte a un Governo cha ha una gestione paradossale della questione migranti, adesso vengono assegnati ai territori della Toscana 45 ospiti del Cara di Castelnuovo di Porto senza alcuna informazione sul loro status giuridico, sulle loro condizioni di salute, età, collocazione territoriale, dopo aver fatto sgomberare repentinamente e senza spiegazioni la struttura".

A dirlo è Stefano Baccelli, consigliere regionale Pd, promotore della mozione "in merito alla ricollocazione degli ospiti del Centro di accoglienza per i richiedenti asilo di Castelnuovo di Porto (Roma), decisa dal Governo, nel territorio della Toscana".

Ottenere dal Ministero degli Interni chiarimenti sui profughi in arrivo dal centro laziale, il numero effettivo, il loro status giuridico,  l'eventuale presenza di minori, darne comunicazione in Consiglio regionale, garantire a queste persone un effettivo percorso di accoglienza e integrazione: sono gli impegni che con questo provvedimento Baccelli sollecita alla Giunta regionale.

"La Regione ha dovuto apprendere dalla stampa che circa 45 ospiti provenienti dal centro sarebbero stati trasferiti nel territorio toscano, senza nessuna indicazione sulla destinazione finale o sui requisiti previsti dalla nuova normativa per restare all'interno del sistema di accoglienza toscano - continua Baccelli -. Tutto questo non fa che confermare gli aspetti nefasti del cosiddetto decreto Sicurezza che, a dispetto del suo nome, produce solamente maggiore incertezza, riducendo gli spazi di integrazione con le comunità loca e favorendo il passaggio dei migranti alla condizione di clandestinità".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento