Michela Noli, uccisa dall'ex marito quattro anni fa: il ricordo della madre

Quest'anno la corsa che si tiene ogni anno in suo ricordo non potrà svolgersi a causa del coronavirus

Sono passati 4 anni dal brutale assassinio di Michela Noli. La donna, 31 anni, fu uccisa con oltre quaranta coltellate dall'ex marito all'Isolotto la sera del 15 maggio 2016. Uno dei tanti, tantissimi casi di femminicidio che si susseguono nel nostro Paese. All'Isolotto a Michela è stato dedicato un giardino e ogni anno si corre una corsa in suo ricordo. Quest'anno però, a causa dell'emergenza coronavirus, l'appuntamento non si potrà svolgere.

Paola Alberti, la madre di Michela, tra le altre cose ha dato vita ad una canzone (il testo e la voce sono suoi, la musica del marito Massimo) dedicata al suo angelo biondo, dal titolo "È  troppo presto", per ricordare la figlia.

Tutti gli anni, il 15 maggio, da quando Michela è scomparsa nel 2016, Paola, dava lo start dalla panchina rossa dedicata a Michela ad una corsa per la figlia con tante persone e bambini con la maglia rosa. L'emergenza Covid anche se non permette di organizzare la corsa, non ferma il ricordo di Michela.

"La corsa sarebbe partita dal giardino intitolato a Michela, in via Torcicoda a Firenze, e avremmo devoluto il ricavato all'associazione Artemisia per aiutare donne e bambini in difficoltà. È  nata, infatti, per mantenere vivo il ricordo di Michela e per far capire l' importanza di un cambiamento di pensiero. Alla base di tutto ci deve essere il rispetto verso gli altri, ma soprattutto verso noi stessi e verso la vita, che nessuno ha il diritto di togliere", dice la signora Paola Alberti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La madre di Michela ha scritto anche una lettera a Michela nel libro "Lettere senza confini", curato da Gaia Simonetti con altre 5 mamme, che raccoglie le lettere di madri a figli che non ci sono più e ha scritto il libro "Io Michela".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Viabilità: A1, chiudono l’uscita Firenze Scandicci e il parcheggio di Villa Costanza

  • Crisi Coronavirus: chiude lo storico Gran Caffè San Marco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento