Mercato Centrale: furibonda lite durante la serata latina 

Feriti in modo lieve due buttafuori 

Foto di Philipp Ruch da Pixabay

Ieri notte, poco dopo le tre, due addetti alla sicurezza dell'Atlantic pub sono rimasti feriti in modo lieve dopo essere intervenuti all'interno del locale durante una serata latina per un 24enne sudamericano che stava infastidendo i clienti. 

A uno degli addetti alla sicurezza, entrambi togolesi, è stato lanciato in faccia il liquido contenuto in una caraffa e poi gli è stata lanciata contro la caraffa stessa. Il buttafuori, ferito a uno zigomo e un sopracciglio, ha quindi accompagnato all'esterno il giovane. In difesa di quest'ultimo sono intervenuti quattro connazionali del 24enne, tutti peruviani, di età compresa tra i 21 e 32 anni, che hanno tentato di ostacolare le procedure di messa in sicurezza colpendo il dipendente e il suo collega.
 
Sul posto è subito intervenuta la polizia con quattro volanti. Il gruppetto di sudamericani ha raccontato una versione diametralmente opposta a quella descritta dai dipendenti del locale la cui storia sarebbe però in parte già stata verificata nell'immediatezza grazie alle testimonianze e i video delle immagini di videosorveglianza.

Il gruppetto di giovani è stato denunciato per lesioni aggravate: gli addetti alla sicurezza hanno infatti riportato lesioni guaribili in 5 e 6 giorni. Tre di loro, tra cui il "protagonista" della vicenda, sono stati portati in questura per le procedure di identificazione perché irregolari. 

Movida: ribaltata la sentenza del Tar
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus, altri due casi in Toscana: un calciatore professionista e un birraio

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: altri due contagiati a Firenze

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

Torna su
FirenzeToday è in caricamento