Mense scolastiche, allarme social della Lega: “Insetti nei piatti”. Ma postano foto di un anno fa

I consiglieri poi costretti ad una retromarcia frettolosa, il Pd: “Chiedete scusa”

Ancora insetti nei piatti dei bambini nelle mense scolastiche, in particolare alla scuola elementare Nuccio di Rovezzano. E' la denuncia, che arriva nel tardo pomeriggio di ieri tramite comunicato stampa, da parte della Lega.

“È inaccettabile continuare a ricevere queste fotografie e segnalazioni dopo le polemiche dello scorso novembre e soltanto dopo un mese che sono state aggiudicate le nuove imprese appaltatrici”, scrive il consigliere del quartiere 2 Manfredi Ruggiero.

E il collega di rango superiore, consigliere comunale per il Carroccio, Andrea Asciuti, rincara la dose. “Ancora episodi spiacevoli come corpi estranei nei piatti oppure porzioni ridotte per gli alunni. Auspichiamo come Lega interventi immediati da parte dell’Amministrazione, è impensabile  che a Firenze nel 2020 non si possa mandare sereni i figli a pranzo nelle scuole”, scrive Asciuti.

E Ruggiero posta un video su Facebook in cui mostra i piatti incriminati. La notizia inizia a diffondersi a macchia d'olio, sui social è un attimo. Ma... Fermi tutti. Non è vero. Le foto sono di un anno fa ma i consiglieri leghisti non se ne erano accorti. Il video viene subito cancellato. La frittata però ormai è fatta.

Intanto da Palazzo Vecchio arriva la replica dell'assessora all'educazione Sara Funaro. “Da settembre a oggi dalla scuola Nuccio non è arrivata alcuna segnalazione di problematiche. I consiglieri della Lega sanno che il nostro ufficio controlli interviene su segnalazione, farebbero meglio a fare un’opposizione costruttiva verificando i fatti invece di creare polemiche per avere titoli ad effetto sui giornali”, la replica di Funaro.

E pochi minuti dopo la Lega è costretta a diramare un comunicato stampa con un titolo surreale: “Le foto degli insetti nei piatti si riferiscono allo scorso anno”.

Nel testo si legge che è “perché abbiamo a cuore le vicende della scuola e come mangiano i nostri bambini che abbiamo riportato alla luce problemi da affrontare”. Con foto, appunto, dell'anno scorso. “Siamo rammaricati di aver messo in fibrillazione tutto il settore scolastico per un fatto ormai datato”, le scuse imbarazzate dei consiglieri.

E dal Pd la consigliera comunale Laura Sparavigna attacca: “La Lega ha creato un procurato allarme. Propongo che mettano sui social un nuovo video di scuse”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è la prima volta che dal Carroccio incappano in 'errori' del genere. Nel settembre 2018 il senatore della Lega Manuel Vescovi pubblicò su Facebook una foto di 'allarme' per i venditori abusivi al Duomo. Foto che però era di due anni prima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Incidente stradale in viale Belfiore: auto contro scooter, un ferito grave / FOTO

  • Coronavirus: in Toscana altro balzo in avanti, 906 nuovi casi. Cinque decessi, tutti a Firenze

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento