rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca Certaldo

Matrimoni gay all'estero, Certaldo apre il registro delle trascrizioni

Secondo il primo cittadino non conta che vi siano effetti legali o meno, in questa fase si tratta di manifestare vicinanza ai cittadini coinvolti

Il sindaco Giacomo Cucini ha la delega per le Pari Opportunità per l’Unione dei Comuni ed ha dato disposizione ai Servizi Demografici di Certaldo affinché i matrimoni contratti all'estero tra persone dello stesso sesso vengano trascritti sui registri di Stato Civile del Comune a richiesta degli interessati.

Giacomo Cucini sull'ordinanza spiega "Un invito al governo a provvedere a colmare quello che è evidentemente un vuoto legislativo in materia, un vuoto segnalato anche dalla Corte Costituzionale. Un passo in avanti per Certaldo rispetto al registro delle unioni civili, istituito nel 2004 ma per il quale ad oggi nessuno ha fatto richiesta di iscrizione. Anche se è evidente che con questa ordinanza non si producono atti con valore giuridico, la loro importanza non è minore, perché oltre a sollecitare in maniera più forte il legislatore, si dà un segno concreto di vicinanza delle istituzioni a tante ragazze e ragazzi che patiscono disagi e discriminazioni rispetto alla loro omosessualità nelle famiglie, in società, ma anche purtroppo nelle scuole e sul posto di lavoro"
 
In Italia la normativa non consente forme di unione tra persone dello stesso sesso, ma sono regolarizzate dalla normativa in un numero sempre maggiore di paesi europei ed extraeuropei.
La Corte Costituzionale ha invitato il legislatore a produrre una legislazione in materia, affermando che nella nozione di formazione sociale idonea a consentire il libero sviluppo della persona, di cui all'articolo 2 della Costituzione, vada compresa anche l'unione omosessuale.

Il testo dell'Ordinanza: "I Servizi Demografici, in particolare l'Ufficio di Stato Civile del Comune di Certaldo e, per quest'ultimo, i delegati alle funzioni di Ufficiale di Stato Civile provvederanno a trascrivere nei registri di stato civile di cui all'art. 10 del DPR n. 396/2000, su richiesta degli interessati e previa verifica della documentazione prodotta ai sensi degli artt. 21 e 22 del medesimo DPR, gli atti attestanti la celebrazione di matrimoni contratti all'estero tra persone dello stesso sesso, residenti nel Comune di Certaldo, una volta accertate le condizioni di cui all'art. 28 della legge n. 218/1995 relativamente alla loro validità secondo la legge del luogo di celebrazione"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matrimoni gay all'estero, Certaldo apre il registro delle trascrizioni

FirenzeToday è in caricamento