menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marradi: resti di tombe gettati vicino a un magazzino 

Scoperta dai carabinieri forestali un'illecita gestione dei rifiuti cimiteriali 

I carabinieri di Palazzuolo sul Senio hanno scoperto, in prossimità di un magazzino di Marradi, un cumulo di circa quattro metri cubi di rifiuti speciali non pericolosi, composti da rifiuti di costruzione e resti di loculi e tombe.

I rifiuti erano depositati in prossimità di un veicolo cassonato, il cui proprietario risultava essere il titolare di un'impresa edile, che innanzitutto aveva depositato i rifiuti in luogo diverso da quello di produzione, come previsto dalla normativa, e gli stessi giacevano stoccati senza alcuna delimitazione, protezione e riparo dagli agenti atmosferici.

Indagini successive hanno permesso di appurare che il soggetto era stato incaricato di operazioni di esumazione (recupero resti mortali di un defunto sepolto nel terreno dopo un periodo di tempo) ed estumulazione (recupero resti mortali di un defunto sepolto in un loculo dopo un periodo di tempo) "dei feretri ma non della gestione dei rifiuti da esse derivanti, gestione che restava pertanto nella responsabilità del Comune di Marradi, produttore del rifiuto".

Il soggetto poi non avrebbe provveduto alla rimozione seguendo le prescrizioni impartite dal militari, che avevano disposto la rimozione dei rifiuti e il ripristino dello stato dei luoghi, ma che sarebbe avvenuta senza esibire l'idonea documentazione atta a dimostrarne il corretto smaltimento. Si tratta infatti di rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari, per evitare infezioni.

Non potendo individuare la destinazione e le modalità di gestione e di smaltimento dei rifiuti, né l’eventuale pericolosità dei rifiuti prodotti dalle attività di esumazione ed estumulazione, non si può dunque escludere che la condotta illecita non abbia cagionato danno o pericolo concreto ed attuale di danno alle risorse ambientali urbanistiche o paesaggistiche protette.

I carabinieri forestali, dopo accurate indagini, hanno accertato altre operazioni di smaltimento di detti rifiuti in modo illecito. L’imprenditore è stato dunque denunciato per gestione illecita di rifiuti urbani cimiteriali da esumazione ed estumulazione, prodotti presso i cimiteri di Marradi e anche di Palazzuolo sul Senio.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: in arrivo il pass vaccinale per spostarsi in libertà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento