Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza di Santa Croce

Sindacati in piazza per la proroga dello "stop ai licenziamenti"

Il ricordo di Luana D'Orazio e un pensiero rivolto a tutte le morti sul lavoro

Cgil Cisl e Uil in piazza Santa Croce contro lo stop al blocco dei licenziamenti. La loro richiesta è una proroga per tutti che termini almeno il 31 ottobre. Oltre a Firenze anche Bari e Torino: queste le città coinvolte nella manifestazione. "Ripartiamo insieme con il lavoro, la coesione e la giustizia sociale" lo slogan. A Firenze era presente il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra, a Torino Maurizio Landini sarà a Torino, Pierpaolo Bombardieri, della Uil, a Bari.

"Oggi mandiamo un messaggio forte unitario al governo alle associazioni datoriali sulla necessità di ripartire insieme. Sollecitiamo il governo a aprire urgentemente una fase di confronto unitario di ascolto e dialogo per rimettere al centro come priorità il lavoro, la crescita, lo sviluppo, la coesione sociale - ha affermato il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra -. Una grande discussione per arrivare a negoziare un nuovo e moderno patto sociale per la crescita lo sviluppo e l’equità. Stiamo chiedendo da settimane di prorogare l’uscita dal blocco dei licenziamenti almeno fino alla fine del mese di ottobre. Dobbiamo scongiurare nuovi licenziamenti che andrebbero ad aggiungersi al milione di posti di lavoro che abbiamo persi negli ultimi 15 mesi. La priorità del paese è di rilanciare il lavoro e gli investimenti, non i licenziamenti".

"Chiediamo al Governo di attivare una fase di confronto sui contenuti del Pnrr e di coinvolgere in modo strutturale e permanente le parti sociali e i sindacati nella cabina di regia - ha aggiunto il segretario della Cisl -. Vogliamo accompagnare la fase di attuazione del piano, verificare il rispetto dei tempi, la qualità della spesa e i principi di trasparenza legalità, esercitando forti condizionalità alle imprese pubbliche e private che ricevono investimenti".

"Alle imprese viene data la possibilità usare la cassa ordinaria a costo zero, e sono stati dati anche altri contributi e forme di sostegno: pensiamo che questi debbano essere condizionati al fatto che però licenziamenti non ne fai".

A margine della manifestazione Sbarra ha rivolto un pensiero anche a Luana D'Orazio: "In questa piazza voglio dedicare un pensiero a Luana, Adil e ai tanti, troppi, morti sul lavoro. Stiamo chiedendo al governo di aumentare le verifiche, i controlli, le ispezioni nei luoghi di lavoro, di assumere gli ispettori e i medici del lavoro, di investire su ricerca, prevenzione e sulla formazione che va cominciata già nelle scuole".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindacati in piazza per la proroga dello "stop ai licenziamenti"

FirenzeToday è in caricamento