menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ex Manifattura Tabacchi fra i "Luoghi del Cuore"

Il Fai lo censisce, sosterrà il progetto di recupero e valorizzazione

C’è anche l’Ex Manifattura Tabacchi di Firenze fra i 23 "Luoghi del cuore” scelti dal censimento del Fai (Fondo ambiente italiano) in tutta Italia, i cui progetti di restauro e valorizzazione saranno sostenuti con complessivi 400mila euro, in collaborazione con la banca Intesa San Paolo. La manifattura si è collocata al 186° posto con 1.668 segnalazioni. L’intervento del Fai e di Intesa Sanpaolo consisterà nel vigilare, nei prossimi mesi, sugli sviluppi del complesso progetto di rigenerazione urbana che interessa l’Ex Manifattura Tabacchi e supporterà le istanze dei cittadini per il recupero di un bene il cui valore socio-culturale è fortemente percepito sul territorio.

L’edificio è la più grande manifattura in Italia con una estensione di 103.000 metri quadri e un’attribuzione dubbia: gli esecutivi sono firmati dall’ingegner Alessandro Nistri, mentre da alcuni fogli si ipotizza un coinvolgimento del celebre architetto Pier Luigi Nervi, titolare peraltro dell’impresa costruttrice. I lavori vennero avviati nel 1933 e completati nel 1940: la prima costruzione realizzata fu quella destinata alla lavorazione dei sigari, sul lato nord del complesso che è caratterizzato da una serie di edifici compatti in stile razionalista.

Nel 1999 la struttura divenne proprietà dell’Ente Tabacchi Italiani che ne decise la dismissione produttiva e chiuse nel 2001. Fino ai primi mesi del 2014 è stata utilizzata come deposito delle scenografie e dei costumi del Teatro della Pergola. Il complesso, in un discreto stato di conservazione, necessita di alcune opere di manutenzione e di una nuova destinazione d’uso. Nonostante sia stata approvata l’ipotesi di una demolizione di buona parte delle strutture, con la trasformazione del complesso in senso residenziale, negli ultimi mesi sono emerse alcune interessanti ipotesi, tra cui la possibilità di utilizzarla come spazio per l’Accademia di Belle Arti, per la Biblioteca Nazionale oppure per Firenze Fiera. 

Per la Toscana il Fai ha scelto anche i progetti riguardanti la Certosa di Calci (Pisa), il Santuario di Santa Maria delle Grazie al Calcinaio a Cortona (Arezzo) e il Circo glaciale del Pizzo d’Uccello e Solco di Equi a Casola in Lunigiana (Massa).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento