"Favori a Cosa Nostra", 12 arrestati: riciclavano denaro per Tagliavia jr, figlio dello stragista dei Georgofili

La Dda: "Soldi mafiosi riciclati nell'economia toscana". Le misure cautelari eseguite nell'hinterland fiorentino

Una maxi operazione antimafia, condotta dalla guardia di finanza di Prato e coordinata dalla Dda di Firenze, è stata effettuata dalle prime luci dell’alba su tutto il territorio nazionale. Circa 300 militari hanno arrestato 12 persone - 10 siciliani e 2 pugliesi - accusate di associazione a delinquere e riciclaggio a favore di Cosa nostra, nell'ambito dell'inchiesta “Golden Wood”. Gli arrestati, secondo le accuse, "lavoravano" per Pietro Tagliavia, figlio di Francesco Tagliavia, già al vertice del mandamento di Brancaccio, condannato all'ergastolo per le stragi di via d'Amelio a Palermo e via dei Georgofili a Firenze.

Tra i destinatari delle misure cautelari emessa dal gip ci sono persone residenti a Prato e altre nei comuni dell'hinterland fiorentino, tra cui Campi Bisenzio e Sesto Fiorentino. Fanno parte di due famiglie di origini siciliane e pugliesi, trapiantate anni fa nel Lazio e in Toscana. Secondo le indagini dell'antimafia, gli arrestati riciclavano i proventi degli affari criminali della famiglia mafiosa di Corso dei Mille di Palermo, capeggiata da Pietro Tagliavia, già condannato con sentenza irrevocabile per il reato di associazione mafiosa.

Dei 12 arrestati, sei sono in carcere e sei ai domiciliari. Dietro le sbarre sono finiti i palermitani Francesco Paolo Clemente, Gaetano Lo Coco, Francesco Paolo Mandalà, Giacomo Clemente, Francesco Paolo Saladino e il foggiano Alfonso Domenico Interiale. Ai domiciliari invece Leonardo Clemente, Pietro Clemente, Santo Bracco, Giulia, Filippo e Vincenzo Rotolo. Anche questi sono tutti originari di Palermo, tranne Bracco che è nato a Gangi. Effettuate 120 perquisizioni.

Complessivamente, gli indagati sono 60. I reati contestati sono associazione a delinquere finalizzata a riciclaggio, autoriciclaggio, emissione di fatture per operazioni inesistenti, nonché reati di intestazione fittizia di beni, contraffazione di documenti di identità e sostituzione di persona. Sequestrate anche 15 aziende, 86 conti correnti e numerose armi.

Gli indagati, secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti, si erano messi a completa disposizione di Pietro Tagliavia, nel periodo in cui egli era detenuto nella casa circondariale di Prato, tanto da reperirgli nel 2017 un’abitazione a Campi Bisenzio, dove lo stesso aveva poi scontato gli arresti domiciliari e da fornirgli, clandestinamente, un telefono con il quale mantenere i contatti anche con i propri sodali in Sicilia.

La provenienza dalla Sicilia di parte del denaro riciclato avrebbe trovato conferma anche in molte conversazioni telefoniche intercettate e nei successivi riscontri investigativi. Nel corso delle indagini sarebbero stati inoltre rilevati movimenti di denaro, evidentemente 'ripulito', a favore del capocosca palermitano. Il riciclaggio avrebbe riguardato anche i proventi dei reati di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, commessi sia nell’ambito dei rapporti tra le imprese gestite dall’organizzazione che a favore di aziende ad essa estranee.

Gli inquirenti coordinati dal procuratore capo di Firenze Giuseppe Creazzo ritengono di aver ricostruito un flusso illecito di denaro per circa 150 milioni di euro, di cui 39 provenienti direttamente da soggetti di Palermo legati alla mafia. Secondo le accuse, si tratta di soldi riciclati principalmente nell'economia toscana. L'associazione a delinquere avrebbe infatti immesso nel circuito economico denaro di provenienza illecita attraverso le creazione di una galassia di 33 imprese con sedi in tutta Italia, in particolare in Toscana, Sicilia e Lazio, tutte aventi per oggetto sociale il commercio dei pallets, le pedane in legno usate per il trasporto e la movimentazione di materiale.

Le fatture inesistenti, sempre secondo le accuse, venivano emesse sia tra aziende interne al gruppo criminale, sia a favore di aziende ad esso estranee, che usufruendo del servizio illegale si sarebbero così garantite cospicui vantaggi fiscali. Le imprese 'sane' avrebbero versato tramite bonifico, alle cartiere facenti capo al gruppo criminale, il corrispettivo degli importi falsamente fatturati (per consegne di pallets mai avvenute). Corrispettivo che poi veniva restituito in contanti, decurtato del 10% a titolo di commissione.

“L’operazione di oggi – commenta il presidente della Toscana Enrico Rossi, che ringrazia agenti e inquirenti - dimostra, come già abbiamo più volte affermato, che la Toscana non è immune né da attività criminose di tipo mafioso né da vere e proprie presenze organizzate. E ci ricorda che occorre continuare a tenere alta la guardia contro la capacità di radicamento della criminalità organizzata”.

“Per contrastare e battere le mafie – aggiunge il governatore - è determinante l’attività di repressione della magistratura e delle forze di polizia. Ma è altrettanto fondamentale il contributo di tutti. Per questo rivolgo un appello ai cittadini tutti e agli imprenditori, spesso vittime di attività illecite come l’usura, a segnalare e denunciare tutto quello che può configurarsi come fenomeno criminale e mafioso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nessun territorio – conclude Rossi - può considerarsi immune dalla presenza della criminalità organizzata, ma noi possiamo continuare ad alimentare i nostri anticorpi per impedirne la diffusione. Come giunta regionale restiamo impegnati in prima fila, perché l’attività di conoscenza e di prevenzione del fenomeno continuino con determinazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus, verso un nuovo Dpcm: ipotesi 'coprifuoco' alle 22 ovunque

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus, impennata di nuovi casi: 755 in Toscana 263 a Firenze  

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Incidente stradale in viale Belfiore: auto contro scooter, un ferito grave / FOTO

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento