Porta al Prato, lite con coltello e catena: fermati dai carabinieri

Intervento dei militari, che hanno disarmato e denunciato i due uomini, di 34 e 46 anni

Stavano discutendo animatamente tra loro. Uno dei due, come riportano fonti dei carabinieri, brandiva una grossa catena mentre l'altro un coltello da macellaio.

Sono stati notati nella serata di ieri, domenica 15 dicembre, da una pattuglia dei carabinieri nel corso di un servizio di controllo del territorio presso Porta al Prato.

I militari sono intervenuti e hanno bloccato e disarmato i due uomini, entrambi di origine marocchina, di 34 e 46 anni.

Ignoti i motivi della lite, forse dettata da precedenti screzi tra loro. Entrambi sono risultati senza fissa dimora e con precedenti di polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono stati denunciati a piede libero per minaccia aggravata e porto di armi od oggetti atti ad offendere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Incidente stradale in viale Belfiore: auto contro scooter, un ferito grave / FOTO

  • Coronavirus: in Toscana altro balzo in avanti, 906 nuovi casi. Cinque decessi, tutti a Firenze

  • Coronavirus: sfondata quota 1.000 nuovi positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento