menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blocco lavori Firenze-Siena: il sindaco in Prefettura per sollecitare la ripresa dei cantieri

Incontrati i vertici di Anas: "Verifiche sul viadotto"

Il Comune di San Casciano prende posizione 'sul caso' del blocco del cantiere, in corrispondenza del Viadotto delle Terme, fermo da un anno. Non a caso, il sindaco Massimiliano Pescini ha incontrato Anas in Prefettura per sollecitare la ripresa dei lavori sulla Firenze Siena. Un faccia a faccia positivio, almeno così come spiega una nota stampa del Comune: "Si è rivelato un incontro positivo quello che il Comune di San Casciano, affiancato dalla Prefettura di Firenze, ha sollecitato nel confronto con i tecnici della società Anas per conoscere l’effettivo stato dei lavori e gli eventuali aggiornamenti sulla sospensione del cantiere in corrispondenza del Viadotto delle Terme sul raccordo autostradale Firenze-Siena. - si legge -  L’eccessiva lunghezza dei tempi, con la quale, da oltre un anno, si protrae il blocco dei lavori su una delle arterie più importanti della Toscana, e la richiesta di investimenti adeguati sul piano della manutenzione ordinaria e straordinaria, indispensabili alla fluidità della circolazione stradale".  

Sono questi i temi che hanno connotato l’obiettivo dell’incontro, avvenuto nella sede fiorentina della Prefettura di Firenze alla presenza del sindaco Massimiliano Pescini, del Prefetto di Firenze, la dottoressa Laura Lega, e del rappresentante di Anas, mosso dalla necessità di far fronte alle gravi criticità sollevate e segnalate, già con una petizione e numerosissime segnalazioni, dalle amministrazioni comunali e dalle comunità chiantigiane". 

Così il sindaco Pescini: “I primi a riscontrare le ripercussioni negative del problema sono loro,  i cittadini che percorrono quotidianamente la viabilità per motivi di lavoro, studio, visita. Ho espresso a nome loro e dei colleghi amministratori le serie e fondate preoccupazioni rispetto ad una situazione divenuta ormai insostenibile e inconciliabile con le necessità lavorative e la qualità della vita del nostro territorio”.

Dall’incontro è emersa la causa che ha determinato la lunghezza dei tempi, legata sostanzialmente alle verifiche effettuate sul viadotto, rese necessarie dalle modifiche richieste dal progetto. “Al momento Anas Firenze – fa sapere il sindaco Pescini - è in attesa del parere che la direzione generale dovrà esprimere sui risultati delle analisi effettuate e sulla perizia di spesa cui seguiranno le procedure tecniche di gara per effettuare i lavori”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'oroscopo di Paolo Fox di oggi 22 febbraio 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Scuola

    Scuole Sicure, monitoraggio online sull’andamento dei contagi

  • Arte: i tesori di Firenze

    Pietà Bandini di Michelangelo: il restauro "live"

  • Cronaca

    Scossa di terremoto: la terra trema in Mugello

Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento