menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavori socialmente utili per gli imputati invece del carcere

Si tratta di un istituto giuridico che impegna gli imputati in servizi di pubblica utilità o in lavori a favore della collettività in alternativa al carcere

Rafforzare i servizi per la comunità come pena alternativa ed estendere la "messa alla prova" all'interno degli macchine istituzionali della provincia di Firenze. E' quanto emerso a Palazzo Medici nel corso di un incontro organizzato dall’Ufficio Interdistrettuale per l’Esecuzione Penale Esterna di Toscana e Umbria - UEPE. L'istituto giuridico, la "messa alla prova" appunto,  consente la sospensione del procedimento penale e l’affidamento dell’imputato a lavori di pubblica utilità oppure a prestazioni non retribuite in favore della collettività.

L’istituto, in passato previsto solo per i minorenni, dal 2014 è stato esteso anche al settore degli adulti per i reati di minore allarme sociale e purché ricorrano determinati requisiti e condizioni da parte dell’imputato. La  “messa alla prova”, a differenza delle misure alternative alla detenzione (semilibertà, affidamento ai servizi sociali, detenzione domiciliare), riguarda persone indagate, ma non condannate, e può essere concessa dal giudice per reati puniti con la reclusione fino a quattro anni, sola, congiunta o alternativa alla pena pecuniaria, ed è esclusa per i contravventori e delinquenti abituali e professionali.

Si tratta di una innovativa risposta del sistema penale, con una ratio rieducativa, socializzante e riparativa del danno provocato dal reato; inoltre ha una funzione deflattiva essendo una vera e propria sanzione da scontare all’esterno del circuito carcerario.

Nel corso dell’incontro sono stati presentati i risultati di una mappatura condotta dall’UEPE, che evidenzia il grande favore con il quale la nuova disciplina è stata accolta. “Al di là di quelli che sono i profili strettamente giuridici - ha detto il prefetto Laura Lega intervenendo per un saluto - mi preme sottolineare la forte valenza sociale di questa misura del nostro ordinamento, che ha una finalità pedagogica rilevante e permette di fare rete sul territorio assicurando uno scambio concreto di valori civici e di recupero di coloro che hanno sbagliato”.

Siccome i dati illustrati oggi raccontano una realtà molto significativa che riguarda la Toscana, Lega ha annunciato quindi che a breve la Prefettura organizzerà una conferenza permanente coinvolgendo le amministrazioni statali, gli enti locali e gli istituti di previdenza. L’obiettivo è quello di ampliare il numero di soggetti istituzionali del territorio provinciale disposti ad accogliere nel proprio ambito le persone che scelgono la messa alla prova.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento