Cronaca

Insulti alla Meloni: si dimette il direttore editoriale Raffaele Palumbo

Dopo l'episodio verificatosi nel corso della trasmissione "Bene bene Male male"

Si dimette il direttore editoriale di Controradio dopo l’episodio avvenuto nel corso di trasmissione radiofonica durante la quale è stata insultata la leader dell’opposizione Giorgia Meloni. Raffaele Palumbo ha comunicato la sua decisione venerdì scorso al Consiglio di amministrazione dell’emittente radiofonica. 

Buongiorno, venerdì ho rassegnato le mie dimissioni nella mani del Consiglio di Amministrazione della Controradio S.r.l.. Dopo tutto quanto accaduto a seguito della ormai nota trasmissione ‘Bene bene Male male di venerdì scorso, ho deciso inoltre di prendermi il proverbiale “periodo di riflessione’, restando a casa, lontano dai microfoni, dai colleghi e dal lavoro che tanto mi appassiona da quasi 35 anni della mia vita e da 25 anni qui a Controradio. Lo faccio per riflettere su quanto accaduto, per metabolizzare gli insulti, le minacce e le offese ricevute, talvolta inferiori per lesività a certe analisi di persone che non sanno di cosa parlano. Ma soprattutto, sopra ogni altra cosa, per difendere l’onorabilità e la credibilità di una radio che ha 45 anni di storia e una storia che parla, e che racconta una vicenda completamente e sempre diversa da quanto accaduto in quei 27 minuti di trasmissione. Lo faccio per difendere la rispettabilità dell’Editore – che è composto da nove soci, tra cui il sottoscritto – e del Consiglio di amministrazione, composto da Sara Maggi, che è anche Direttrice responsabile, Marco Imponente che è anche Direttore generale e da Roberto Nistri, il Presidente del Consiglio di Amministrazione, o se volete – per noi – semplicemente Il Presidente. Persone – dalla moralità e professionalità indiscutibile – che hanno speso la loro vita a tenere insieme e in piedi questa cosa strana che si chiama Controradio. Lo faccio per le colleghe e i colleghi della redazione giornalistica che tutti i giorni lavorano e in qualche misura combattono proprio per abbattere stereotipi di genere, discriminazioni, linguaggi sbagliati, tossici, di odio. Personalmente ho calcolato, scalette in archivio alla mano, di aver fatto poco meno di 30mila interviste in questi anni a Controradio. Loro, i miei colleghi, giornaliste e giornalisti, non hanno fatto di meno, anzi. E tutto, sempre, sempre, nella stessa ostinata direzione fatta di civiltà, rispetto, amore per la radio e le sue ascoltatrici ed ascoltatori.E poi lo faccio per i tecnici, i registi, i conduttori e programmatori musicali, gli amministrativi, i producer, i pubblicitari e non da ultimo per quei professionisti e specialisti della musica che animano le nostre serate in maniera unica. Per loro, per me, per noi, io oggi faccio un passo indietro, sto zitto, sperando di risentirvi presto. Un saluto dal vostro Raffaele Palumbo”.


 A seguire è stato diffusa anche una nota a firma della redazione. “Nel prendere atto della decisione di Raffaele Palumbo e nel comprendere le sue sincere e sofferte motivazioni, sottolineiamo l’onestà intellettuale e umana che ha sempre contraddistinto il suo modo di operare. La sua presenza a Controradio, davanti e dietro al microfono, è parte integrante della storia della radio e di chi ci lavora. Come giornaliste e giornalisti, continueremo ogni giorno ad essere voce plurale e rispettosa dei diritti e di principi alla base di un’informazione indipendente e responsabile. Ringraziamo Raffaele, con la convinzione che torneremo presto insieme”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insulti alla Meloni: si dimette il direttore editoriale Raffaele Palumbo

FirenzeToday è in caricamento