Coronavirus, insultati perché asiatici: "Andate a tossire a casa vostra"

Il premier ha annunciato i primi due casi di coronavirus in Italia. Conte: "Gli episodi di discriminazione sono episodi di ignoranza"

Un fermoimmagine del video

"Schifosi, sudici, andate a tossire a casa vostra", "fate schifo", "ci infettate tutti". Nelle ultime ore sul web è diventato virale il video dove due persone asiatiche sono insultate da un uomo sui lungarni. Le parole utilizzate sono molto forti ed è probabile che le autorità siano a lavoro per verificare che il video non sia artefatto.

"Da fiorentino e italo cinese, questo video mi ha fatto male come non pochi, Firenze è la città che amo e non può tacere di fronte a questi esempi di becera ignoranza" è quanto scrive Angelo Hu condividendo il video con le offese sulla sua pagina Facebook. Hu è ex capogruppo di Sinistra Italiana a Campi Bisenzio e Coordinatore Regionale Associna.

I primi due casi in Italia

Intanto il Presidente Conte con il ministro Speranza, durante una conferenza a Palazzo Chigi, ha dato notizia dei primi due casi di coronavirus in Italia. Si tratta di turisti cinesi che attualmente si trovano in isolamento allo Spallanzani di Roma. "Siamo vigili e molto attenti: non ci siamo fatti trovare impreparati - aggiunge Conte -. Lo Spallanzani è la Bibbia in questo settore. Non c'è nessun motivo di creare panico e allarme sociale". Sono in corso i controlli e gli accertamenti per ricostruire il percorso dei due turisti cinesi "per isolare i loro passaggi e evitare assolutamente qualsiasi rischio ulteriore a quello già accertato". Il traffico aereo con la Cina è stato chiuso.

I due turisti "sono in buone condizioni, ci fa pensare che non ci siano persone esposte", ha spiegato il direttore scientifico dello Spallanzani Giuseppe Ippolito, presente alla conferenza stampa a Roma, "al momento sembra non ci siano rischi", "sono in osservazione da ieri (29 gennaio) in Ospedale" ha aggiunto. 

I due turisti - secondo le ultime notizie - sono atterrati a Milano Malpensa, il 23 gennaio, da dove si sono spostati per un tour nelle province italiane: ancora non sono note le tappe. I due facevano parte di una comitiva di circa 20 persone che adesso si trovano allo Spallanzani per i controlli.

E' bene ricordare che il passaggio del virus avviene solo tramite saliva (è necessario quindi essere a stretto contatto con la persona contagiata), non tramite il contatto con animali o mangiando cibo. 

Le precauzioni da adottare

Conte sugli episodi di panico e discriminazione

Il presidente Conte rispondendo ad un giornalista ha precisato che le autorità si stanno muovendo nel modo più giusto per limitare il panico e l'allarme, "possiamo tranquillizzare tutti i cittadini, la situazione è sotto controllo. Sono in atto le tracciature dei percorsi per limitare le possibili criticità. Gli episodi di discriminazione sono episodi di ignoranza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domani mattina Conte ha convocato il Consiglio dei Ministri.

Le precauzioni adottate dalla regione Toscana

Fiorentina in Cina: "Voglio tornare a casa"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento