L’omicidio / Careggi / Via Niccolò da Tolentino

Infermiera uccisa, il 17enne incontra in carcere la propria legale

Domani in programma l’interrogatorio per la convalida del fermo

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Dovrebbe svolgersi domani l’interrogatorio per la convalida del fermo del 17enne che nella notte tra domenica e lunedì ha ucciso la nonna, Maria Teresa Flores Chavez. La 65enne, infermiera di origine peruviana, è stata strangolata, prima a mani nude e poi con un cavo per ricaricare il cellulare, nell’appartamento di via Niccolò da Tolentino dove viveva con il nipote e il secondo marito, assente perché impegnato fuori dall’Italia per motivi di lavoro.  Oggi, invece, è atteso l’inizio delle operazioni autoptiche.

Ieri pomeriggio il ragazzo ha incontrato per la prima volta l’avvocato, Elisa Baldocci, nel carcere minorile di via Orti Oricellari. Il colloquio tra i due è durato una ventina di minuti. Davanti agli agenti il ragazzo aveva ammesso le proprie responsabilità, parlando di liti continue e insulti. L’ultima lite, appunto, domenica sera anche se è ancora da chiarire se ci sia stata una causa scatenante o il rinfocolarsi delle tensioni fra i due.

Durante l’interrogatorio il giovane aveva inizialmente parlato di rapina con tanto di aggressione da parte di un ladro che aveva scoperto al rientro in casa. Il ragazzo all’alba di lunedì aveva allertato un vicino dicendo che la nonna non si svegliava.  I segni sul volto del 17enne, che in un primo tempo sembravano avvalorare l’ipotesi del furto con relativa colluttazione, potrebbero essere invece stati causati dalla nonna, nel tentativo di difendersi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infermiera uccisa, il 17enne incontra in carcere la propria legale
FirenzeToday è in caricamento