rotate-mobile
Le indagini

Donna trovata morta in casa: si teme la pista Fentanyl

L'infermiera lavorava a Careggi. Il direttore della farmacia dell'ospedale: "Non risulta alcuna sottrazione di anestetici fentanili"

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Ci sarebbe anche il potentissimo oppioide fentanyl - utilizzato in ospedale come anestetico o forte analgesico e al di fuori come 'droga dello stupro' o per sballarsi - tra le medicine che, stando a quanto scritto sul quotidiano La Nazione, sarebbero state trovate a Novoli in casa di una ferrista di Careggi, trovata morta nel suo appartamento.

Dell'oppioide ne aveva parlato su FirenzeToday Valeria Dubini, direttore delle attività territoriali in ambito ostetrico-ginecologico della Usl Toscana Centro, che aveva lanciato l'allarme del prendere piede a Firenze della cosiddetta 'droga dello stupro' messa all'insaputa nel bicchiere, tra le quali il fentanyl, spiegando che “Tante ragazze a Firenze si svegliano coi segni di violenza e non ricordano niente. Solo di aver fatto una bevuta”.

Un problema sottolineato anche da Paola D'Onofrio, responsabile dei percorsi per le vittime di maltrattamento, abuso sessuale e crimini di odio dell'azienda ospedaliero universitaria di Careggi, che aveva spiegato che “c'è chi arriva in ospedale e non si ricorda niente”.

Il Fentanyl è una droga devastante più dell'eroina e persino del crack e addirittura a prezzo molto più basso – il prezzo si aggirerebbe sui 20 euro a pasticca - delle sostanze derivanti dall'oppio. Il rischio overdose letale è altissimo: 4 probabilità ogni 10 assunzioni se il Fentanyl è trattato – quindi non essendo più la semplice pasticca medica utilizzata per arginare i dolori cronici provocati da alcuni tumori in stato avanzato  - con metanfetamina, cocaina, crystal meth e vari mix può impedire la risposta al naloxone, l’antidoto per l’overdose da oppioidi. Da qui quella che viene chiamata la strage silenziosa determinata dalla droga degli zombie.

Negli Stati Uniti è una piaga sociale ed è causa di migliaia di morti per overdose.

Sulla vicenda è intervenuto il direttore della farmacia ospedaliera dell’Azienda Careggi di Firenze precisa che “presso la Farmacia ospedaliera dell'AOUC dopo un ulteriore controllo eseguito stamani dal sottoscritto e dalla collega reperibile compiuto sui registri, sulle ricette e sulle giacenze contabili e fisiche, non risulta alcuna sottrazione di anestetici fentanili (remifentanyl, sufentanil e fentanyl) dal magazzino farmaceutico".

"Preme inoltre ribadire - aggiunge la Direzione della Farmacia - che nella Farmacia di Careggi, la verifica della corrispondenza tra la giacenza fisica e contabile, per tutte le sostanze stupefacenti soggette alla disciplina del DPR 309/90, avviene quotidianamente a fine turno e ad ogni movimentazione. Le movimentazioni verso i reparti avvengono sempre in seguito a ricetta in triplice copia e sono sempre accompagnate da un documento informatizzato e cartaceo riportante lotto e scadenza del medicinale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna trovata morta in casa: si teme la pista Fentanyl

FirenzeToday è in caricamento