Lunedì, 15 Luglio 2024
La cerimonia / Centro Storico / Piazza della Signoria

Incoronazione del Marzocco, boom di presenze in piazza della Signoria / FOTO

Premiati Silvia Daddi di Mollica’s e Gianmaria Vassallo 

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Torna ancora una volta a rivivere l'antica tradizione dell'incoronamento del Marzocco, rito che avveniva quattro giorni prima e quattro giorni dopo il giorno di San Giovanni, e nella cui durata debitori, cessanti o falliti, banditi e condannati per qualsivoglia delitto non erano perseguibili.

Per il quarto anno consecutivo, l'antico cerimoniale ha rapito gli sguardi affascinati di fiorentini e turisti in una gremita piazza della Signoria. Spettatori che hanno atteso che il corteo storico della Repubblica Fiorentina, guidato dal direttore Filippo Giovannelli, lasciasse il Palagio di Parte Guelfa con la corona, realizzata dal maestro orafo Paolo Penko, e arrivato in piazza della Signoria la ponesse sulla testa del Marzocco per mano della vicesindaca, Alessia Bettini, e del presidente della Società di San Giovanni Battista, Claudio Bini.

"La tradizione che abbiamo recuperato insieme al Comune - spiega Bini - celebra il Marzocco, simbolo del potere civile ma anche icona dell'antico rito pagano. La Società di San Giovanni fa questo dal 1796, recuperare e tramandare le tradizioni alle nuove generazioni. Per questo premiamo due giovani testimoni che con il loro lavoro e la loro arte divulgano i valori e la storia di Firenze e della Toscana nel mondo”.

Il premio in questione è il Corona del Marzocco, dedicato alle giovani generazioni che raccontano Firenze e la Toscana nel mondo. Ad aggiudicarselo sono stati l'attore Gianmaria Vassallo e a Silvia Daddi, titolare assieme al marito Mattia Maracci di Mollica’s.

Ai due giovani è stata consegnata una riproduzione in miniatura della Corona del Marzocco che, secondo l’antica tradizione fiorentina, viene posta sulla testa del Marzocco in Piazza della Signoria in occasione dei festeggiamenti di San Giovanni Battista. 

“Ringrazio la mia famiglia che mi ha trasmesso della Toscana i valori e quell’ironia che ci fa sdrammatizarre sempre ogni cosa – ha commentato Daddi - Noi toscani abbiamo una funzione sociale, preserviamoci. Sono originaria del Turbone, una piccola frazione di Montelupo Fiorentino, e per questo essere qui è un onore immenso”.

Incoronamento Marzocco 2024

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incoronazione del Marzocco, boom di presenze in piazza della Signoria / FOTO
FirenzeToday è in caricamento