Incidente mortale: fiorentina in vacanza perde la vita vicino a Ferrara

Aveva 66 anni e abitava a Sesto

Tragico schianto frontale, all’alba di sabato a Ferrara: una donna è morta e il marito è grave, entrambi pensionati di Sesto Fiorentino. Lei si chiamava Nadia Trebbi, aveva 66enne ed era originaria di Bologna. Da più di trent’anni la donna abitava nel quartiere del Neto, dove sia lei che il marito, Rossano Manfredi, con cui era sposata dal 1971, sono molto conosciuti e apprezzati. E' quanto riportato dall'edizione online della Nazione.

L'incidente è avvenuto sulla strada Porrettana attorno alle 4 e 30. I coniugi stavano percorrendo la Statale a bordo di una Hyundai Atos, arrivati alle porte della località Montalbano si sono scontrati con una Alfa Romeo Giulietta condotta da un uomo di 47 anni che arrivava dalla direzione opposta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto sono arrivati i sanitari del 118, i vigili del fuoco e i carabinieri. Due i feriti, oltre a Manfredi anche il conducente dell’altra vettura. Entrambi sono stati stabilizzati sul posto e trasportati all’ospedale Sant’Anna. Hanno riportato diverse ferite ma, a quanto si apprende, non sarebbero in pericolo di vita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: stop ai voli, rinvio per le discoteche

  • Mick Jagger si trasferisce in Toscana: "E' innamorato, forse rimane"

  • I borghi più belli della Toscana da visitare assolutamente

  • Marina di Castagneto: fiorentino muore dopo un bagno

  • Entra in funzione 'PagoPA', addio verbale rosa sull'auto: come cambiano le multe

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento