menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gabriele Masi: 4 indagati per l'incidente in scooter che gli costò la vita

Nel mirino dei pm gli addetti alla sicurezza e alla manutenzione della strada e del cantiere contro cui andò a sbattere il neolaureato

Ci sono quattro indagati per la morte di Gabriele Masi, il ragazzo fiorentino deceduto a 28 anni lo scorso 30 giugno sul Lungarno Soderini a causa di un incidente: perso il controllo del suo scooter, si schiantò contro il cantiere dell'ex caserma Cavalli. Lo scrive il Corriere Fiorentino.

Il pm Beatrice Giunti della procura di Firenze ipotizza infatti il concorso in omicidio stradale a carico dell'amministratore delegato di Avr, la società di gestione stradale comunale (indagata a Reggio Calabria e attualmente sotto amministrazione giudiziaria) e al responsabile dei servizi di manutenzione, all'amministratore delegato dell'impresa Costruzioni Spagnoli e al responsabile che ha redatto il piano di sicurezza del cantiere dell'ex caserma Cavalli.

Gabriele Masi, videomaker e blogger appassionato di cinema e fotografia, si era laureato proprio quel maledetto 30 giugno, all'Accademia di Fotografia.

La sera era andato a cena dai nonni e poi a festeggiare la laurea. Poche ore dopo, l'incidente. In cui anche buche e rattoppi stradali - è l'ipotesi dell'accusa - potrebbero aver avuto una parte importante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus: 1.000 nuovi positivi e 22 decessi in Toscana

  • social

    Nove donne che rendono grande la Toscana nel mondo

  • Cronaca

    Piazza della Stazione: accoltellato durante una lite / VIDEO 

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento