Caporalato e sfruttamento di immigrati clandestini nell'edilizia: 11 arresti | VIDEO

Vasta operazione della squadra mobile di Firenze coordinata dalla procura di Prato

Una vasta operazione della squadra mobile di Firenze, con la collaborazione dei colleghi di Prato e di Pistoia, è in corso dalle prime luci dell'alba per disarticolare un'associazione a delinquere che coinvolge cittadini italiani e stranieri, accusati di caporalato nel settore dell'edilizia.

La polizia sta eseguendo 11 ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal giudice delle indagini preliminari di Prato su richiesta della locale procura.

L'inchiesta ipotizza i reati di associazione per delinquere, intermediazione illecita, sfruttamento del lavoro, favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, impiego di lavoratori non in regola con le norme in materia di immigrazione, falsità ideologica in certificati commessa da persone che esercitano un servizio di pubblica utilità.

Secondo quanto emerso dalle indagini, e come riscontrato anche dalle attività di intercettazione telefonica, gli indagati, oltre a favorire la presenza degli stranieri irregolari sul territorio nazionale, tramite fittizie richieste di lavoro, impiegavano alcune società per “regolarizzare” solo formalmente una parte degli oltre 100 lavoratori effettivi, di nazionalità sia italiana che straniera.

La procedura consolidata era semplice: gli stranieri venivano reclutati quotidianamente presso un punto di ritrovo nella città di Prato, trasportati sul luogo di lavoro con auto e pullmini e impiegati nella costruzione di case e negozi in oltre 30 cantieri tra diverse province tra cui Firenze, Prato e Pistoia.

Sempre secondo quanto emerso dalle indagini, ai vertici dell’associazione figurerebbe un cittadino egiziano di 41 anni con altri due uomini: il fratello di 39 anni, anch’egli egiziano, e un 45enne originario di Crotone.

I loro stretti collaboratori, incaricati principalmente della gestione, del trasporto e del controllo degli operai, sarebbero stati invece tre cittadini magrebini di età compresa tra i 26 e 43 anni.

Il ruolo di intermediario, ovvero di reclutatore, sarebbe invece spettato ad altri cinque cittadini stranieri, anch’essi a loro volta operai.

Tra gli indagati in stato di libertà, per i citati reati nell’inchiesta, figurano anche due fratelli pratesi di 39 e 68 anni che tramite la loro società avrebbero attestato falsamente la frequentazione di corsi sulla sicurezza degli operai affinché quest’ultimi risultassero qualificati sotto questo aspetto.

Il provvedimento è stato eseguito nei confronti di 10 indagati a Vaiano (PO), Montemurlo (PO), Prato, Quarrata (PT), Pistoia, Agliana (PT) e Firenze. Uno al momento si trova infatti all’estero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’indagine che oggi ha portato all’arresto di alcune persone indagate per caporalato nasce da una nostra segnalazione per le irregolarità denunciate da un operaio edile egiziano che lavorava in un cantiere di Firenze - dichiara Giulia Masini del sindacato Fillea Cgil Firenze -. I reati ipotizzati sono molto gravi, intermediazione illecita, sfruttamento, lavoro nero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sono questioni che nei cantieri si rischia di riscontrare sempre più di frequente - prosegue Masini -. Come Fillea Cgil di Firenze chiediamo alle controparti ed alle istituzioni che ci siano più controlli, oltre all’applicazione in toto del Durc per congruità e l’applicazione  protocollo sul cantiere trasparente per il controllo delle ore di lavoro, ai fini di una puntuale e corretta contribuzione fiscale, previdenziale ed assistenziale. Ai lavoratori che hanno avuto il coraggio di denunciare va il nostro ringraziamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Enoteca Pinchiorri: l'asta delle bottiglie ha fruttato più di 3 milioni di euro

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 14 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Lavoro: posto fisso in Comune, concorso a Empoli

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Caso positivo di Covid alla Dino Compagni

  • Sesto Fiorentino: scivola in bagno e batte la testa, muore 12enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento