Il sopralluogo / Centro Storico / Via Camillo Cavour

Inaugurato il primo tratto della “nuova” via Cavour. Nardella: “Aranci vivi e vegeti, risultato eccellente”

Entro due settimane saranno conclusi i lavori. Giorgetti: “La strada è rinata, presi 11 fondi sfitti fino a due mesi fa”

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

“Gli aranci, nonostante le polemiche, anche simpatiche, sono vivi e vegeti”.  Così i sindaco di Firenze Dario Nardella ha “inaugurato” il primo tratto di via Cavour appena rinnovata, nel tratto tra Palazzo Medici Riccardi e via degli Alfani. “Ci siamo arrivati al fotofinish, ma il risultato è davvero eccellente. Sono felice di concludere il mio mandato con quest'ultimo importante traguardo”. 

Questa mattina il primo cittadino ha effettuato un sopralluogo insieme all’assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti per verificare la realizzazione del progetto che, oltre all’allargamento e riqualificazione dei marciapiedi, prevede anche la piantumazione degli alberi di arancio. Al momento quelli collocati sono 38, al termine dei lavori saranno 49, e sono in piena salute, sottolineano da Palazzo Vecchio viste le polemiche delle scorse settimane e anche degli ultimi giorni: dopo la segnalazione della presenza di alcuni insetti nei primi esemplari piantati, sono stati effettuati trattamenti specifici e in breve tempo le alberature sono state ritenute idonee dal servizio fitosanitario. 

Nardella: “Lavoro importante sostenuto da commercianti e residenti”

L’intervento sulla strada comunque non è ancora concluso: nel tratto tra via Alfani e piazza San Marco sul lato dei numeri civici pari, restano da portare a termine alcune opere di completamento necessarie per gli allacci definitivi ai sottoservizi che sono stati riqualificati. “Sarà completato in una quindicina di giorni”, la promessa di Nardella. “Questi lavori - aggiunge - hanno riqualificato tutto l’ingresso, da nord al centro storico”, in riferimento  ai rifacimento di piazza San Marco ed alla linea della tramvia linea Fortezza-San Marco, i cui cantieri si dovrebbero chiudere a inizio luglio, per aprire ai passeggeri prima dell’inizio dell’anno scolastico dopo il collaudo estivo. “Abbiamo fatto un lavoro importante, sostenuto dai commercianti e dai residenti, che ringrazio. Proprio con i residenti di via Cavour e delle strade limitrofe abbiamo apportato degli aggiustamenti, per esempio sulle isole ecologiche”. 

Giorgetti: “Vogliamo ridurre il passaggio e la sosta delle auto”

Intanto l’assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti rilancia su via Cavour pedonale, aperta solo ai piccoli mezzi del trasporto pubblico.  Anche se non spetterà a lui decidere: “Chi arriva dopo può anche cambiare idea. Noi il lavoro lo abbiamo terminato e lo consegniamo alla città: chi verrà dopo farà le sue scelte”. 

“Vogliamo ridurre il passaggio dei mezzi e delle auto, soprattutto i livelli della sosta. Per questo ci saranno controlli” anti parcheggio sui nuovi marciapiedi, molto più larghi. Dipenderà ovviamente da chi arriverà al posto di Dario Nardella. “Quando avremo finito la linea del tram” che collegherà Firenze con Bagno a Ripoli, ribadisce Giorgetti, “in centro storico non ci saranno più le corse dei bus importanti, come il 14 o il 6, ma solo bussini: abbiamo previsto cinque linee di distribuzione interne al centro storico”.

In ogni caso, rivendica ancora Giorgetti, “via Cavour è rinata”. E, osserva, sarà sempre più vivace visto che il centro commerciale naturale della zona, che riunisce tutti i negozi storici della strada, “sta lavorando per dare più visibilità con tende ottocentesche e la possibilità di avere spazi esterni, con sedie e tavolini”. Proprio su questo punto l'assessore rivela un dato indicativo: “Due mesi fa, mi dicevano stamattina, qui c'erano 11 fondi sfitti che ora sono tutti presi. Questo vuol dire che riqualificare porta anche qualità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato il primo tratto della “nuova” via Cavour. Nardella: “Aranci vivi e vegeti, risultato eccellente”
FirenzeToday è in caricamento