menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il ricordo di Idy Diene a 3 anni dall'omicidio / FOTO

Fu ucciso a colpi di pistola da un pensionato fiorentino: un arazzo e un presidio su Ponte Vespucci, sabato altri eventi

Un arazzo gigante con fili di lana e cotone, fatto con ferri e uncinetto da decine di donne di San Frediano. E' stato srotolato oggi all’ex Gasometro per ricordare Idy Diene, l'ambulante senegalese ucciso la mattina del 5 marzo 2018 sul Ponte Amerigo Vespucci a colpi di pistola dal pensionato fiorentino Roberto Pirrone.

E' uno degli eventi in programma, oggi e domani, organizzati dalla cooperativa L'Abbaino e dall'associazione Gli Anelli Mancanti per ricordare Idy.

L’idea dell’arazzo è nata all’interno del movimento di Urban Knitting ed è stata realizzata con il contribuito delle famiglie che frequentano le due strutture comunali ospitate nei locali dell'ex Gasometro, la ludoteca La Mondolfiera e il Centro per l’età libera del Comune, insieme a Libraccio social knit café, King Café Biblioteca Nova Isolotto, Le amiche dell'Orto e Cuore di Maglia.

La commemorazione, alla presenza di diversi bambini, è proseguita poi con letture, musica e laboratori per bambini. Agli eventi hanno aderito anche la Comunità senegalese di Firenze e Anpi Firenze.

Per il Comune di Firenze erano presenti l'assessore a Educazione e Welfare Sara Funaro, l'assessore allo Sport, alle Politiche giovanili, all'Immigrazione e alla Lotta alla solitudine Cosimo Guccione e il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni.

“Un'iniziativa che unisce cittadini di tutte le età - ha detto l'assessore Funaro -, dai bambini agli anziani, in memoria di un uomo a cui tutto il Quartiere e la città hanno voluto bene. E lo stesso affetto lo proviamo per Kene, rimasta vedova tre anni fa. Siamo molto legati e vicini a lei, Kene non è sola”.

“Firenze è una città aperta, inclusiva e solidale - commenta l’assessore Guccione -. Questa iniziativa non è solo un gesto di memoria e di vicinanza alla comunità senegalese, che ha vissuto anche la tragedia dell’eccidio di piazza Dalmazia del 2011. È anche un richiamo importante a tenere sempre alta l’attenzione verso ogni forma di intolleranza e di violenza anche verbale” .

“Sta a noi, oggi e domani, ricostruire quella frattura e far sì che una ferita, che resterà comunque aperta, possa in qualche modo rimarginarsi e ricordare a noi che dobbiamo sempre costruire dialogo, accoglienza, integrazione, amicizia", dice il presidente del quartiere Dormentoni.

“E' importante mantenere vivo il ricordo di Idy Diene - commenta la responsabile della Direzione Area Educazione di Co&So Claudia Calafati - e lo facciamo tutti insieme grazie a questa iniziativa che è il frutto dell’impegno e della collaborazione di tanti soggetti diversi ma uniti negli ideali".

“Avremmo voluto ricordare Idy un anno fa, ma il Covid ce lo ha impedito - spiega Ilaria Boccacci, educatrice della cooperativa L'Abbaino che da 30 anni si occupa dei servizi per l’infanzia -. Torniamo a farlo quest’anno con una serie di iniziative che non solo celebrano la memoria di una persona che aveva legami forti con questo quartiere dell’Oltrarno, ma invitano anche tutti noi, adulti e bambini, a  imparare a stare insieme nelle differenze”.

Si è svolto inoltre, questo pomeriggio, un presidio sul ponte Vespucci, dove una targa provvisoria ricorda Idy, nel punto in cui è stato ucciso.

Questo il programma di domani, sabato 6 marzo:

? dalle 10 alle 12.30, reading collettivo “Siamo tutti Idy: contro il razzismo” organizzato dall’associazione “Gli Anelli Mancanti”.

? alle 16.30 le educatrici Sandra Caciagli e Eleonora Boscolo della cooperativa L’Abbaino racconteranno il libro di C. Naylor, “Ballestreros”, una storia per viaggiatori grandi e piccini, che parla di incontro e accoglienza. A seguire un laboratorio per bambini dai 3 a 6 anni.

? dalle 15.30 il Branco del Gruppo Scout del Firenze 14, sotto la Tettoia, svolgerà un’attività dedicata ai migranti.

Tutti gli eventi si svolgeranno in ottemperanza alle norme di sicurezza anti Covid-19 e saranno trasmessi sui canali social degli organizzatori e delle associazioni coinvolte nel progetto.

Per info e prenotazioni: Ludoteca La Mondolfiera 055/220.74.55

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ristoratori e TNI bloccano di nuovo l'autostrada A1: traffico bloccato

  • Cronaca

    Coronavirus: superata quota 1 milione di vaccini in Toscana 

  • Cronaca

    Aosta: trovata morta in casa, viveva in Toscana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento