rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca Coverciano / Via Vincigliata

La Harvard University di Firenze

Da villa signorile a centro della cultura della città, per poi diventare la sede per gli studi sul rinascimento italiano della Harvard University a Firenze

Un po’ di “amercan style” in via di Vincigliata, a Firenze al “confine” con Fiesole, sì perché qui al numero 26 si trova “The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies”.

La villa fu la residenza dello storico dell’arte Bernard Berenson, ma prima ancora fu di proprietà degli Zati che la cedettero nel 1563 a Giulio d'Alessandro del Caccia. Fu di proprietà della vedova di Niccolò di Francesco degli Alessandri, Porzia di Tommaso de' Bardi nel 1603 e restò dei discendenti dei suoi figli fino al 1854, quando il conte Gaetanto Alessandri la cedette a John Temple Leader, eccentrico magnate inglese che possedeva gran parte di Maiano ed aveva il suo centro preferito nella vicina Vincigliata.

Alla sua morte tutte le sue proprietà furono ereditate da lord Westbury. Nel 1906 il famoso critico e storico dell'arte Berenson con sua moglie Mary Pearsol Smith decisero di acquistarla. I coniugi si occuparono del suo restauro chiedendo aiuto alla ditta Duveen Brothers per la quale passarono molte delle opere italiane ospitate nei musei statunitensi.

La villa I Tatti divenne uno dei più importanti centri della comunità anglosassone fiorentina e della cultura della città in generale nella prima metà del Novecento. In essa passava il fior fiore delle élite cittadine e straniere in visita.

Nel 1936 Bernard Berenson lasciò la villa, insieme all'importante collezione di arte del XIV, XV, XVI secolo, alla biblioteca e alla fototeca, in eredità alla Harvard University, che ne ha fatto la sede del Centro di Storia del Rinascimento italiano. Qui lo studioso morì, nel 1959, all'età di novantaquattro anni.

Il suo unico desiderio era quello che venissero elargite delle borse di studio per permettere una maggiore conoscenza agli allievi più promettenti (questo lo scrisse nel suo testamento nel 1959).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Harvard University di Firenze

FirenzeToday è in caricamento