Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Halloween 2018, maxi sequestro: 2 milioni e mezzo di articoli non sicuri

Maschere, giocattoli, costumi, lanterne, scheletri, trucchi destinati per lo più ai bambini senza le indicazioni minime sulla sicurezza

 

A pochi giorni da Halloween arriva un maxi sequestro della guardia di finanza che ha sequestrato a Siena oltre 2 milioni e mezzo di articoli commercializzati sul territorio nazionale. In larga parte si tratta di maschere, giocattoli, costumi, lanterne, scheletri, trucchi destinati per lo più ai bambini. I prodotti erano privi del minimo delle informazioni, senza le indicazioni minime sulla sicurezza dei giocattoli, privi della regolare marcatura CE. 

Halloween, come noto, è una festività che da anni sta avendo grande seguito anche in Italia, con partecipazione di pubblico ad eventi a tema che richiedono travestimenti, trucchi ed accessori vari per festeggiare la “notte delle streghe” del 31 ottobre. Detta ricorrenza ha come protagonisti i più piccoli, intenti a bussare alle porte dei vicini per chiedere il tradizionale “Dolcetto o scherzetto?”, espressione italiana del più celebre “Trick or treat?” che ha dato il nome all’operazione di servizio. 

Ed è proprio a tutela dei più piccoli che i finanzieri hanno intrapreso questa capillare attività, eseguita dapprima presso esercizi commerciali della provincia di Siena, per poi essere estesa a Rimini ove è risultato esservi un altro punto vendita ed un magazzino adibito a deposito. Visto l’imminente approssimarsi delle festività anche l’appartamento del titolare della ditta attenzionata è risultato essere adibito a un vero e proprio bazar del falso, con migliaia di pezzi accatastati in ogni angolo dell’immobile oggetto di perquisizione.   

L’intera attività si è conclusa con la segnalazione all’Autorità giudiziaria del titolare della ditta per Frode nell’esercizio del commercio e la segnalazione alla locale Camera di Commercio per le contestazioni amministrative di tutti gli esercenti commerciali attenzionati, nella cui disponibilità è stato rinvenuto materiale non conforme. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento