menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Guerriglia a Firenze: le reazioni della politica e delle istituzioni

Il ministro Lamorgese: "Frange violente strumentalizzano legittimo dissenso". Giani: "Vigliacchi venuti da fuori". Renzi: "Nessuno giustifichi questi criminali". Pd e Lega: "Solidarietà a forze dell'ordine"

Condanna unanime da parte del mondo delle istituzioni e della politica, all'indomani della manifestazione in pieno centro storico che ha visto alcuni gruppi di anrea anarco-antagonista scontrarsi con la polizia, devastare gli arredi urbani e lanciare di tutto.

“E’ legittimo manifestare ma ci sono frange violente che sfruttano l'occasione per strumentalizzare manifestazioni di legittimo dissenso di chi si trova in difficoltà a causa della pandemia e della misure del governo, governo che comunque sta ponendo la massima attenzione a queste situazioni”.Così il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, al festival de Il Foglio. "In queste manifestazioni di piazza non c’è una regia unica, non ci sono evidenze di una strategia unica su tutto il territorio nazionale” ha aggiunto il ministro.

Manifestazione non autorizzata: il centro si blinda

La violenza di pochi facinorosi - dichiara il goverantore Eugenio Giani - chiaramente organizzati con volantini vigliaccamente anonimi, è stata contrastata da forze dell’ordine a cui va la nostra decisa e profonda vicinanza e solidarietà. Massimo rispetto verso lavoratori, imprese, attività che hanno forzatamente chiuso esercizi e limitato apertura a causa della pandemia, con essi sempre dialogo. I gruppuscoli di stasera, con loro, probabilmente venuti da fuori, non hanno niente a che fare (in realtà i primi arrestati e denunciati per i fatti di ieri sera sono perlopiù dell'area fiorentina, ndr). I cittadini di Firenze e della Toscana non si piegano certo alla violenza ma saranno uniti per fronteggiare insieme l’emergenza".

"Fa male al cuore vedere #Firenze, la città che La Pira chiamava “perla del mondo”, messa sottosopra da vandali e teppisti. Sono al fianco delle forze dell’ordine e spero che i colpevoli siano identificati e puniti. Nessuno giustifichi questi criminali, nessuno" scrive invece su Twitter l'ex premier e leader di Italia Viva, Matteo Renzi.

Manifestazione non autorizzata: guerriglia in centro

“La violenza e gli atti vandalici che hanno colpito duramente Firenze stanotte non sono tollerabili. Una guerriglia urbana che niente ha a che vedere con il diritto a protestare per la situazione difficile che in molti stanno vivendo. Solidarietà alle forze dell'ordine e ai cittadini che si sono visti lanciare addosso bottiglie, molotov e sassi” commenta Simona Bonafé, segretaria del PD Toscana, in un post Facebook.

“E' terribile assistere a queste scene di violenza e devastazione nel cuore della nostra città - dichiara poi la consigliere regionale firoentina della Lega Elisa Tozzi - Come fiorentina, sono ferita e indignata. Gli autori di questo scempio devono essere perseguiti e puniti con la massima severità, di chiunque si tratti. Condanno fermamente questi atti scriteriati, indegni di Firenze ed esprimo massima solidaretà alle forze dell'ordine”.

Guerriglia in centro: arresti e indagini in corso

“I manifestanti che ieri sera e stanotte hanno sfregiato Firenze vanno perseguiti e condannati - spiegano il presidente del Consiglio comunale Luca Milani con i vice presidenti Emanuele Cocollini e Maria Federica Giuliani-. Non si può dare voce alla sofferenza con la violenza. Cortei illegali, organizzati con comunicazioni partite dai vari social network, e che hanno trasformato il centro storico in un campo di battaglia".

Siamo convinti – aggiungono i vertici del consiglio comunale – che occorra ritrovare solidarietà per superare questa emergenza sanitaria che sta minando fortemente l’economia di una città che non deve, per nessun motivo, essere messa a ferro e a fuoco con atti di guerriglia illegale”.

I commenti dei sindacati di polizia e dei commercianti

“Quelle a cui abbiamo assistito ieri sera sono scene indegne per un Paese civile ed evoluto che devono ricevere l’unanime condanna di tutti coloro che, in questo Paese credono, lavorano e vivono”. A dichiararlo è Riccardo Ficozzi, segretario generale del Siulp fiorentino, principale sindacato di polizia, che prosegue: “È vergognoso che in un periodo storico così complicato, in cui una dilagante emergenza pandemica sta flagellando le economie mondiali, mettendo in ginocchio tutti gli apparati sanitari, causando centinaia di migliaia di morti e milioni di malati, delinquenti pongano in essere situazioni del genere".

"Non v’è dubbio – continua Ficozzi – che quei professionisti del disordine non rappresentano la disperata protesta di coloro che, proprio a causa di questa emergenza, stanno vivendo condizioni di maggiore disagio, categorie a cui è rivolta tutta la solidarietà del Siulp fiorentino. Ma proprio perché non sono rappresentative di tali categorie è indegno che, in loro nome, illegalmente, si realizzino manifestazioni con l’unico evidente intento di creare caos e devastazione".

"Purtroppo sono stati interamente confermati timori e preoccupazioni che avevamo condiviso alla vigilia, come categorie economiche, con le principali istituzioni della città - dichiara Santino Cannamela, presidente Confesercenti Firenze - Non è stata una manifestazione ma una preordinata guerriglia urbana condotta con tutte le tecniche del caso. Ecco perché quanto visto stanotte deve essere condannato, senza se e senza ma, da tutti coloro che si riconoscono nei principi della democrazia e della pacifica convivenza".

"Adesso - conclude Canamela - non resta che contare i danni ed augurarsi possano comunque essere identificati gli autori dei gesti criminali. Tutta la nostra solidarietà e un grande ringraziamento alle forze dell’ordine che hanno fatto quanto possibile per difendere la città da una vile aggressione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Oroscopo Paolo Fox oggi 12 aprile 2021: le previsioni segno per segno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento