rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Tavarnelle Val di Pesa

Green pass: il Comune dimezza il prezzo dei tamponi. La Regione: "Sbagliato, puntare su vaccinazione"

Il sindaco di Barberino Tavarnelle: "Per famiglie e lavoratori". Giani: "Assolutamente contrario"

Il Comune di Barberino Tavarnelle ha deciso di agevolare chi non si vuole vaccinare e deve fare i tamponi, scegliendo di ridurne il costo per il green Pass nella farmacie comunali, praticamente dimezzandolo.

Lo ha annunciato lo stesso Comune di Barberino Tavarnelle con una nota: “Un nuovo servizio nelle farmacie comunali. Tamponi rapidi a costi agevolati con rilascio del Green pass. Il progetto parte in via sperimentale presso la farmacia di via Pisana e si estenderà a quella di Sambuca”.

Tamponi, assalto alle farmacie: "Così non reggiamo"

La decisione delll'amministrazione ha fatto storcere il naso a molti, in paese. "Ci si batte tanto per la vaccinazione - il ragionamento - e poi si agevola chi ha scelto di non vaccinarsi, col costo dei tamponi che ricade su tutti i cittadini". Ma il Comune si difende, sostenendo che no si tratta di una 'iniziativa no vax' ma di una decisione contro l'emergenza.

Giani: "Assolutamente contrario all'iniziativa"

Chi invece si dice "assolutamente contrario" all'iniziativa che sta provocando numerose polemiche nel Chianti e non solo, è il presidente di regione Eugenio Giani: "Sono assolutamente contrario a qualsiasi tipo di promozione e di campagna sui tamponi a prezzo calmierato — ha commentato - perché l'intenzione è quella di spingere il più possibile per una campagna vaccinale il più estesa possibile".

Baroncelli: "Opportunità per famiglie e lavoratori contro l'emergenza"

II sindaco di Barberino Tavarnelle Baroncelli, ha invece spiegato così la sua scelta: "Si tratta di un'opportunità messa in campo come azione volta a contenere l'emergenza e a consentire il rilascio immediato del green pass che riserviamo in particolar modo ai lavoratori, alle famiglie" e ai più piccoli. "L'intento — ha precisato poi il primo cittadino — è quello di favorire il più possibile l'accesso al servizio in virtù dei costi particolarmente ridotti dei tamponi".

Inoltre, dall'amministrazione comunale fanno sapere che "II prezzo calmierato non è certo pensato per agevolare chi non si vaccina, ma semmai per aiutare le famiglie con bambini che spesso si ammalano".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass: il Comune dimezza il prezzo dei tamponi. La Regione: "Sbagliato, puntare su vaccinazione"

FirenzeToday è in caricamento