Cronaca Campi Bisenzio

Gkn, concerto di solidarietà in fabbrica: ci saranno Banda Bassotti, Lou Tapage, Malasuerte e Ivanoska

Continua la resistenza degli operai contro la chiusura dello stabilimento di Campi: "Non osate far partire i licenziamenti"

Continua la resistenza e continua il presidio permanente degli operai licenziati allo stabilimento della Gkn di Campi Bisenzio.

E dopo la partecipata manifestazione dell'11 agosto sera, dopo l'apertura di una 'cassa di resistenza' per finanziare le iniziative future, dopo il grande appuntamento dello scorso 28 luglio, con Piero Pelù e Stefano Massini, i lavoratori annunciano, tramite la pagina Facebook del 'Collettivo di Fabbrica', un altro evento destinato a trasformarsi in un grande appuntamento collettivo.

Gkn, aperto conto corrente per le donazioni

"Il 28 luglio lo spettacolo organizzato da Stefano Massini chiudeva idealmente la prima fase della lotta. Iniziava un agosto pericoloso, fatto di ferie, caldo, possibile isolamento. Agosto volge al termine. Ed esattamente un mese dopo, il 28 agosto, è di nuovo concerto. Per salutare l'agosto che non ci ha piegato a ritmo di ska impegnato e militante. Le sonorità giuste per omaggiare tutti i solidali che in queste torride settimane ci sono stati ancora più vicini", si legge sulla pagina del Collettivo. Un concerto, sabato 28 agosto alle 20, come si legge da locandina sotto, al quale parteciperanno Banda Bassotti, Lou Tapage, Malasuerte e Ivanoska.

In migliaia in piazza per la Gkn

"Non osate far partire le lettere di licenziamento"

"Le giuste sonorità per lanciare un messaggio chiaro al settembre che arriva: non osate far partire quelle lettere di licenziamento. Non osate anche solo immaginare che tutte le parole spese contro la chiusura di Gkn si concludano con un grande bluff. Perché ogni giorno di più che passa, noi #insorgiamo", si legge ancora. Sono 422 i lavoratori che, dall'oggi al domani, il 9 luglio scorso annunciava loro per mail la chiusura dello stabilimento, con conseguente perdita del posto di lavoro. Oltre alle decine di lavoratori in appalto (per esempio il settore pulizie) e a tutti quelli dell'indotto.

Todde: "Hanno incassato soldi pubblici e ora mettono in ginocchio un territorio"

"Come è già successo per lo scorso concerto, sarà un'occasione per noi per incontrare fonici, tecnici, montatori di palco, protagonisti nel proprio settore della lotta sindacale per condizioni di lavoro dignitose e contro il precariato dilagante. 
Perchè nel mondo reale, il lavoro operaio non è solo quello confinato alle realtà industriali. Anche un concerto è fatto da carpentieri, elettricisti, manovali e da una complessità di lavoro manuale, direttivo, intellettuale quasi sempre sfruttato e mal retribuito. Perchè nel nostro mondo ideale, non esiste un settore economico 'strategico' ed uno secondario. La produzione di un semiasse - si conclude il post -, può essere strategica quanto il suono di una chitarra elettrica, un cantante che prende una nota, il taglio di luci allestito su un palco. Saremo diversi se saremo tutti".

Concerto alla Gkn il 28 agosto-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gkn, concerto di solidarietà in fabbrica: ci saranno Banda Bassotti, Lou Tapage, Malasuerte e Ivanoska

FirenzeToday è in caricamento