rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Gerusalemme, il nome di Bartali scolpito nel Giardino dei Giusti tra le Nazioni

Il nome del campione toscano è stato aggiunto agli altri 500 italiani che si spesero per gli ebrei durante la seconda guerra mondiale

Da ieri il nome di Gino Bartali rimarrà scolpito nel marmo del Mausoleo della Memoria di Gerusalemme. Questo dopo che a settembre il campione toscano è stato nominato ufficialmente Giusto tra le Nazioni, un riconoscimento riservatogli per l'impegno speso in favore degli ebrei durante la seconda guerra mondiale.

A inaugurare l'inserimento di 'Ginettaccio' nella lista che capeggia nel Giardino dei Giusti, con gli oltre 500 italiani che riscattarono l'onore della nazione soccorrendo i loro concittadini ebrei, e' stato il figlio Andrea che ha anche visitato anche lo Yad Vashem, il museo dell’Olocausto.
 
''E' una grandissima emozione essere qui - ha detto Bartali figlio, che si trova in Israele dove domani (oggi per chi legge) a Gerusalemme si svolgerà la gara di ciclismo 'Gran Fondo Italia' dedicata in parte al campione - e parlare di mio padre''. ''Molti mi chiedono perché' l'ho fatto ed io - ha aggiunto indicando il nome che, sulla lista, è accanto a quello di Artuto Carlo Jemolo - rispondo sempre con le sue parole: 'se il ciclismo non è lezione di vita e di solidarietà, non serve a nulla'. Lui a questo si è sempre attenuto''.

''Mio padre era un credente e - ha continuato Andrea nel corso della cerimonia alla quale hanno partecipato i vertici di Yad Vashem e l'ambasciatore italiano in Israele Francesco Maria Talo' - durante la guerra ha riposto all'appello dell'Arcivescovo di Firenze Dalla Casa. Serviva un postino per consegnare i documenti falsi. Chi meglio di lui? Mio padre ha subito accettato. Da postino, quasi ogni giorno percorreva 340 chilometri da Firenze ad Assisi e ritorno. Ma sapeva che portava la salvezza''.

''Quando lo fermavano - ha raccontato ancora - diceva semplicemente che si stava allenando e del resto, come campione, era plausibile. E' stato mitragliato dagli alleati, sparato dai cecchini ma e' sempre andato avanti''.

Sul perché non abbia parlato prima delle sue azioni in clandestinità, Andrea ha ricordato la risposta del padre: "'il bene si fa, non si dice. E poi, io sono solo un ciclista. Per le mie gare voglio essere ricordato'". Però - ha proseguito - ''a me le diceva aggiungendo che un giorno sarebbe arrivato il momento giusto per raccontarle. Ecco quel giorno è arrivato''. ''Noi - ha detto Dorit Novak, direttore generale di Yad Vashem - abbiamo il dovere di ricordare il bene che Bartali ha fatto, insieme al rabbino capo di Firenze Nathan Cassuto''.

Tra chi ascoltava ieri a Gerusalemme, oltre i figli del rabbino Cassuto, David e Susanna, c'era anche Giulia Donati Baquis, 91 anni, che oggi vive in Israele ed ha testimoniato a favore del riconoscimento come Giusto del campione. Durante la guerra quando la sua famiglia era nascosta a Lido di Camaiore in Versilia, qualcuno' portò i documenti falsi. Quel postino era Gino Bartali.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gerusalemme, il nome di Bartali scolpito nel Giardino dei Giusti tra le Nazioni

FirenzeToday è in caricamento